Regione dell’Umbria, approvato il “quadro operativo antincendi”

Clicca qui e salva questo articolo nella "Tua rassegna stampa", nel menu di sinistra ↵

Perugia– La Giunta regionale dell’Umbria nella tarda mattinata di oggi ha approvato diversi provvedimenti inerenti la Campagna incendi boschivi 2017. Forse sollecitata anche da quanto riportato ieri dal nostro giornale o, più verosimilmente, accogliendo l’istanza del capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio e del Segretario del Sindacato nazionale dei Vigili del Fuoco Antonio Brizzi.
L’Umbria – si legge nella nota trasmessa nel pomeriggio dall’Assessore Fernanda Cecchini – in seguito alla normativa nazionale dal 2017 ha a disposizione dell’organizzazione antincendi boschivi un sistema operativo organizzato con tre ‘pilastri’: l’Agenzia Forestale Regionale; l’Arma dei Carabinieri Forestali e il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
“Per quanto riguarda quest’ultimo con l’intento di seguire le disposizioni di legge, è stato intrapreso un confronto tra la Regione Umbria e la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco per la ridefinizione operativa delle attività di lotta attiva che fino al 2016 sono state gestite dal Corpo Forestale dello Stato, cioè la gestione della Sala operativa unificata permanente, la direzione delle operazioni di spegnimento, il mezzo aereo, transitate appunto ai Vigili del fuoco”.
“Fondamentale è la disponibilità di un mezzo aereo a supporto dell’organizzazione antincendi per un periodo di circa trenta giorni, indicativamente tra il 15 luglio e il 15 agosto, quando statisticamente è più elevato il rischio di incendi di bosco. Poiché la Direzione nazionale dei Vigili del fuoco ha comunicato di non poter mettere a disposizione delle Regioni mezzi aerei, la Regione  si rivolgerà al mercato bandendo una gara per reperire un mezzo aereo che rafforzi l’attività delle squadre di terra in caso di necessità”. Reperire acquistandone uno adatto, oppure noleggiandone uno? Su questo l’Assessore non ha precisato.

 

 

Clicca qui e salva questo articolo nella "Tua rassegna stampa", nel menu di sinistra ↵