“Ho cura di te”: un modo concreto per cercare di stimolare il più possibile le adozioni a distanza dei trovatelli accolti dall’Ente Nazionale Protezione Animali e raccogliere le donazioni necessarie a curarli, sfamarli, dar loro un riparo caldo e la speranza di una vita in famiglia. Sono oltre 35.000 gli animali di ogni specie e razza che approdano nelle oasi e nei rifugi Enpa. “Un numero sempre in crescita in un momento economico estremamente delicato – dichiara Marco Bravi Presidente del Consiglio Enpa – #adottaunamascottinaenpa è l’hashtag con cui speriamo venga inondato il web dando la giusta eco a un progetto in cui crediamo profondamente e che ha già entusiasmato molti personaggi dello spettacolo : Pippo Baudo, Samantha De Grenet, Nathalie Goitom, Giorgia Colombo, Marco Galli, LifeGate, Giovanni Macrì e Paolo Distaso. Auspichiamo – continua Bravi – che siano tante le persone che seguiranno il loro esempio e che sceglieranno di fare la differenza nella vita di migliaia di trovatelli.” Le Mascottine Enpa sono due bellissimi cuscini (atossici, lavabili, interamente prodotti in Italia) creati e dipinti in esclusiva per l’associazione dall’artista Luciana Tonetto che si è innamorata della missione portata avanti da Enpa. “Il cuore del progetto – conclude Bravi – è promuovere il più possibile un grande gesto d’amore: adottando una Mascottina si salva una vita e si leniscono le ferite del corpo e dell’anima di chi, a causa dell’uomo, ha già troppo sofferto. L’adozione di una Mascottina avviene con un’offerta pari a € 20: l’adottante la riceve direttamente a casa, accompagnata da un passaporto di adozione e l’attestato con la foto del trovatello che rappresenta. Più Mascottine verranno adottate e maggiori saranno le cure che arriveranno alle migliaia di amici con la coda accolti nelle strutture gestiste dall’Ente.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì alle 10:00.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.