L’Ente Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese (PNAL) ha aderito al progetto di sistema “Conservazione della lontra”: primo step sarà attuare il monitoraggio delle popolazioni di lontre europee nell’Area Parco, in modo da aumentare le conoscenze sulla distribuzione, sull’ecologia, sulla demografia e sulle minacce che interessano questo mustelide. Attraverso continue attività di campo e durante le diverse stagioni dell’anno 2017, sono state ricercate lungo le sponde del fiume Agri i segni distintivi di presenza della lontra, come impronte, feci e probabili rifugi.

LA LONTRA IN ITALIA – In Italia la lontra (Lutra lutra) è una delle specie animali a forte rischio di estinzione: nel nostro paese questo mammifero semiacquatico è scomparso in gran parte dal suo areale che, fino ai primi anni del secolo, comprendeva quasi tutto il territorio nazionale. Le cause della diminuzione delle popolazioni di questa specie animale sono da ricondurre principalmente all’alterazione degli habitat determinata dalle pressioni antropiche. In Italia, negli ultimi anni, lo stato di conservazione della lontra risulta migliorato; attualmente la popolazione è circoscritta in due nuclei distinti: il primo situato tra Abruzzo e Molise e il secondo in Italia meridionale (Campania, Basilicata, Puglia e Calabria), ove, secondo le ultime indagini, sembra che la specie presenti un’areale in espansione verso sud.

Dai risultati dell’indagine effettuata si è evidenziata l’indubbia presenza della specie nel territorio del Parco, facendo emergere la posizione strategica di primaria importanza che il bacino del fiume Agri occupa, rispetto all’attuale areale complessivo della lontra in Italia. La presenza del mustelide, anche lungo altri corsi d’acqua, come il Pergola ed il Melandro, rappresenta un importante collegamento con i bacini idrografici del Basento, del Sele e del Racanello. I risultati ottenuti durante le diverse stagioni dell’anno ci dicono che durante l’inverno e la primavera in alcuni siti di monitoraggio sono state rinvenute segni freschi del suo passaggio, specie in prossimità di spazi aperti; mentre, a causa della prolungata siccità che ha colpito il bacino idrografico del fiume Agri nelle stagioni estive ed autunnale del 2017, si è osservato l’abbandono momentaneo di alcuni siti noti di presenza degli esemplari e l’occupazione di altri. In più occasioni si è rilevato anche il comportamento “opportunista” della lontra; infatti, sono stati osservati resti di numerosissimi granchi di fiume, predati da questo mammifero.

LA LONTRA, SPECIE OMBRELLO – La lontra è una specie indicatrice della qualità ambientale degli ecosistemi d’acqua dolce in cui vive e, quindi, l’aver documentato la presenza di questo mammifero nell’area protetta mette in evidenza le buone condizioni ambientali esistenti. La lontra è anche una specie ombrello e la sua protezione, di conseguenza, favorisce quella di altre specie che vivono all’interno della loro ampia area di attività. Pertanto, è indispensabile preservare la sopravvivenza della lontra, tutelando la biodiversità, l’integrità e la continuità degli ecosistemi acquatici e ripariali affinché tale area protetta divenga una roccaforte a salvaguardia di questo mammifero.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì alle 10:00.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.