Potrebbe costare molto cara agli agricoltori l’ondata di gelo siberiano che si è abbattuta sull’Italia in questi giorni. A rischio boschi, vigneti e frutteti, ma anche i prodotti deperibili che devono raggiungere i supermercati, ma sono bloccati sulle strade in tilt. “Il gelicidio nei boschi, vigneti e frutteti rischia di provocare una strage per la rottura dei rami che cedono sotto il peso della pioggia ghiacciata” afferma la Coldiretti in riferimento agli effetti del particolare fenomeno atmosferico che sta interessando importanti zone ortofrutticole del Paese. “Una calamità che – sottolinea la Coldiretti – fa aumentare i danni nelle campagne dove da Nord al Centro fino al Sud il gelo ha già distrutto almeno il 20% del raccolto di ortaggi come lattughe, patate, carciofi, cavoli, verze, cicorie e broccoli ma anche i vivai di piante e fiori mentre sono perduti in molti casi gemme e fiori di piante da frutto, dalle albicocche ai mandorli”.

PROBLEMI ANCHE PER LE CONSEGNE – A preoccupare la Coldiretti sono anche gli effetti del gelicidio sulla circolazione stradale con ostacoli alle consegne di prodotti deperibili come le verdure nei negozi e nei supermercati per il week end. “Con oltre l’80% delle merci che viaggia su gomma in Italia in pericolo, ci sono anche le esportazioni verso i Paesi del nord Europa con un ulteriore aumento delle perdite subite dagli agricoltori. Un conto finale da oltre 300 milioni di euro potrebbe infatti essere pagato dall’agricoltura sulla base di quanto accaduto nell’ultima gelata siberiana del 2012” conclude in una nota Coldiretti.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì alle 10:00.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.