Un gruppo di ricercatori dell’Università di Tor Vergata di Roma, nell’ambito di alcuni studi sulla biodiversità, si sono concentrati su farfalle e altri organismi eterotermi, verosimilmente più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Lo hanno fatto guardano al passato, ovvero a periodi storici in cui abbiamo moltissimi dati e dove siamo certi ci siano stati importanti cambiamenti climatici, per poter poi ipotizzare quale sarà il futuro di queste bellissime specie. Questa importante ricerca fa parte degli studi che sono confluiti nel Climate Change Report 2018 del WWF.

IL CLIMATECHANGE REPORT 2018 DEL WWF INTERNAZIONALE –  è un autorevole documento, di fatto la più comprensiva analisi finora prodotta, che mira a documentare gli impatti sulla biodiversità, e in particolare il rischio di estinzione provocato dal cambiamento climatico. Lo studio prende in considerazione 35 aree di priorità del WWF e un amplissimo spettro di specie prioritarie di piante e vertebrati terrestri e marini. La ricerca, condotta per il team Scienza e Politica del WWF-UK, rivela una serie di scenari attendibili e particolarmente critici sulla sopravvivenza a breve e medio termine di molte di queste specie e dei loro habitat. Si tratta prevalentemente di ecosistemi tropicali che conservano una quota rilevante della biodiversità della biosfera, e non includono il nostro paese e le due principali ecoregioni che lo caratterizzano, quella alpina e quella mediterranea. Comunque, anche in questi ambiti geografici, molto lavoro è stato svolto per delineare scenari utili alla previsione dell’impatto dei cambiamenti climatici sui nostri ecosistemi.

LE INDAGINI SULLE FARFALLE – Tra le indagini effettuate in Europa da vari centri di ricerca ricordiamo gli studi condotti dal team di zoologi dell’Università di Roma “Tor Vergata”. In queste ricerche si sono concentrati soprattutto su farfalle e altri organismi eterotermi, verosimilmente più vulnerabili ai cambiamenti climatici. L’approccio predittivo dei ricercatori è stato proiettato più spesso al passato che non al futuro. Sappiamo molto del Pleistocene, dove la firma e la geografia dei cambiamenti climatici sono ben conosciute. La lezione del passato è la migliore guida per interpretare il futuro, dove i livelli di declino ed estinzione locale delle specie dipendono strettamente dagli scenari più o meno pessimistici sull’incremento della temperatura globale utilizzati nei modelli climatici.

MOLTE DELLE RICERCHE HANNO INTERESSATO LE FARFALLE MONTANE come i Parnassius e le Erebia, in cui si osserva già da qualche anno la tendenza alla progressione verso le alte quote. Le farfalle sono il barometro di tutto il resto delle comunità alpine, e ovviamente la biodiversità montana degli Appennini è a rischio maggiore rispetto a quella delle Alpi. Quest’ultime possono infatti contare su quote ben più elevate. Ovviamente gli scenari predittivi cambiano a seconda dell’ecologia delle farfalle. In una ricerca di alcuni anni addietro su specie di Direttiva Habitat presenti in Italia Centrale: Maculinea arion, Melanargia arge, Euphydryas provincialis, Parnassius apollo, P. mnemosyne, e Zerynthia cassandra, siamo andati a valutare l’efficacia nella conservazione, a medio termine (fino al 2060), del sistema di aree protette, ottenendo risultati in chiaroscuro, fortemente dipendenti dall’ ecologia delle singole specie. Così ad esempio, Z. cassandra e M. arge, specie endemiche legate ad habitat piuttosto diversi, mostrano percentuali di areale tutelato molto basse (<30%) rispetto alle altre specie, prevalentemente legate ad habitat montani (>60%).

LA BANCA DATI DELLA BIODIVERSITÀ – Le specie alpine con basse capacità di dispersione subiscono (e verosimilmente subiranno) gravi perdite di biodiversità associate al riscaldamento climatico. Questo tipo di studi pone le basi per quantificare la sensibilità dei singoli organismi ai cambiamenti guidati dal clima, e offre un importante supporto alle scelte da attuare per la conservazione. Le tecnologie analitiche in continuo sviluppo facilitano largamente l’uso dei modelli predittivi sulla distribuzione e demografia delle specie, ma i modelli possono essere più o meno attendibili a seconda della qualità e densità dei dati di occorrenza delle specie. La necessità di sviluppare grandi dataset sulla biodiversità è oramai ineludibile. Alcuni progetti come ‘Nextdata’, promosso dal CNR, operano in questa direzione. Presso il Ministero dell’Ambiente è stata da tempo istituita la banca dati del Network Nazionale della Biodiversità.

È NECESSARIO IMPLEMENTARLA – promuovendo la digitalizzazione dei dati associati ai milioni di campioni animali e vegetali conservati nei musei, un vero tesoro di informazioni che descrivono lo stato della biodiversità italiana nei decenni passati. È molto arduo fare previsioni attendibili sul futuro se si ignora il passato. Riguardo al presente, il proliferare di iniziative sulla digitalizzazione dei dati di biodiversità, che promuovono la collaborazione di ricercatori e cittadini in progetti di Citizen science, è certamente segnale di buon auspicio.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.