Piano Paesaggistico Siracusa, Legambiente: “Troppi interessi sporchi”
Piano Paesaggistico Siracusa, Legambiente: “Troppi interessi sporchi”

Legambiente Sicilia torna a parlare del Piano Paesaggistico di Siracusa e lo fa utilizzando toni forti contro l’ex Assessore Sgarbi. “Fino agli ultimi giorni della sua apparizione da Assessore regionale dei Beni culturali, l’on. Sgarbi, o chi per lui, ci ha voluto regalare un’altra polpetta avvelenata. La sua lettera, a dir poco inconsueta e senza nessun fondamento giuridico, inviata ai dirigenti dell’Assessorato per far ritirare dalla Gazzetta Ufficiale il Piano Paesaggistico di Siracusa, ha solo lo scopo di trovare un nuovo ennesimo espediente per cercare di bloccare questo strumento di pianificazione. Tanti, troppi e non del tutto inconfessati ma anche oscuri, sono gli interessi che si sono mobilitati per cancellare questo strumento di tutela e salvaguardia di uno dei territori più importanti e delicati della nostra regione” ha dichiarato oggi in una nota Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia.

“È una vergogna ed è inaccettabile che la massima espressione politica del governo regionale si sia prestata e abbia fatto da sponda a queste azioni sporche, spregiudicate e, per alcune versi, perfino delinquenziali, come dimostrano alcune inchieste della magistratura sulle sentenze pilotate nel CGA riguardanti la provincia aretusea. Siamo certi che il nuovo assessore, Sebastiano Tusa, a cui rivolgiamo i nostri migliori e più affettuosi auguri di buon lavoro, saprà, al contrario del suo predecessore, contribuire, con la coerenza della sua storia, a portare avanti e a rafforzare il percorso per definire e approvare tutta la pianificazione paesaggistica della Sicilia” ha concluso Zanna.