Firmato oggi dalla Regione Piemonte un Protocollo d’Intesa con istituzioni, agenzie ambientali e mondo agricolo, al fine di disciplinare l’impiego dei nitrati in agricoltura: ottimizzando l’uso dei fertilizzati organici e chimici infatti, è possibile ridurre l’impatto ambientale dei composti azotati utilizzati in agricoltura per favorire la crescita delle piante e migliorare la fertilità dei suoli. Ma il provvedimento interessa, oltre che i fertilizzanti chimici, anche gli effluenti zootecnici e il digestato.

E a beneficiarne saranno la qualità ambientale di falde, fiumi e laghi. L’impatto ambientale dei fertilizzanti azotati è infatti ampiamente documentato e, sottolinea l’assessore all’Ambiente della Regione Piemonte Alberto Valmaggia, “i nitrati in eccesso causano nei fiumi e nei laghi il fenomeno dell’eutrofizzazione, ovvero la crescita abnorme di alghe, mentre nelle falde creano le condizioni per richiedere costi più elevati nel trattamento delle acque potabili. Il protocollo tutela la salute e la biodiversità, in un’ottica di sostenibilità ambientale ed economica”.

“Bisogna far conoscere – ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura Giorgio Ferrero – i grandi progressi che negli ultimi anni sono stati fatti nel campo dell’agricoltura. C’è un impegno comune da parte di tutti i soggetti firmatari del protocollo a rafforzare ulteriormente tecniche e comportamenti in modo da migliorare la qualità delle acque e dell’aria”.

Compaiono tra i firmatari del Protocollo anche Federchimica Assofertilizzanti, il cui presidente, Giovanni Toffoli, sottolinea: “Prendersi cura della terra e dell’ambiente che da essa trae vita. Questo è il principale monito che guida il pensiero e l’agire della nostra associazione. I fertilizzanti sono fattori indispensabili per nutrire la terra e per ottenere raccolti di qualità. Noi rappresentiamo le aziende che li producono e stimoliamo pratiche agricole corrette e sostenibili. Da sempre collaboriamo con le autorità che vigilano per il rispetto dell’ambiente: va letta in quest’ottica la firma che, al fianco di altre istituzioni, apponiamo a questo importante Protocollo”.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì alle 10:00.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.