Luca Parmitano durante un’uscita extraveicolare nello spazio

L’astrounata dell’ESA Luca Parmitano ha svelato il nome della sua seconda missione nel corso di un evento presso lo stabilimento ESA in Italia. Come parte della Spedizione 60/61, tornerà sulla Stazione Spaziale Internazionale nel 2019 insieme ad Andrew Morgan della NASA ed Alexander Skvortsov della Roscosmos. Questa volta la missione si chiamerà “Beyond” – ovvero “Oltre”. “Ciò che facciamo in orbita non è per gli astronauti o per il programma della Stazione Spaziale Internazionale, è per tutti – spiega Luca – è per la Terra, per l’umanità, ed è l’unica via per noi per conoscere di cosa abbiamo bisogno, in termini di scienza e di tecnologia, per poter andare oltre”.

Nel corso dell’evento è stato annunciato anche il logo della missione: un astronauta guarda fuori nello spazio mentre la Terra e la Stazione Spaziale si riflettono sulla visiera del casco; lontano c’è la Luna, con la navicella spaziale Orion ed i rover di esplorazione. “Oltre”, rappresenta Marte, il Pianeta Rosso”, che un giorno si auspica verrà esplorato dall’uomo.

A bordo della Stazione, Luca, condurrà esperimenti che miglioreranno la sicurezza nelle missioni esplorative di lunga durata ma anche dimostrazioni per sviluppare la conoscenza tecnologica ed operativa che permetterà ad umani e robot di esplorare il nostro satellite e il Pianeta Rosso.