Taranto ha ottenuto giustizia: poco prima delle 12, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha accolto il ricorso di 180 persone che nel 2013 e 2015 avevano chiamato in causa i giudici di Strasburgo. Le accuse precise da parte dei tarantini imputavano allo Stato Italiano di “non aver adottato tutti gli strumenti giuridici e normativi necessari per garantire la protezione dell’ambiente e della salute dei tarantini ma, al contrario, le leggi emanate e susseguitesi nel tempo, hanno avuto il preciso scopo di tutelare, esclusivamente, gli interessi dell’Ilva”. E ora, la decisione odierna della Prima Sezione della Corte ha riconosciuto la giusta richiesta dei tarantini, dichiarando la violazione degli articoli 8 e 13 da parte dell’Italia.
“Una logica già ampiamente condannata dalla popolazione tarantina – commentano la dottoressa Daniela Spera, promotrice del ricorso, e gli avvocati Sandro Maggio e Leonardo La Porta che hanno fornito assistenza legale ai 180 tarantini che si erano rivolti alla Corte di Strasburgo – soprattutto alla luce dei risultati degli studi scientifici (tra gli altri, lo studio “Sentieri” dell’Istituto Superiore di Sanità) e delle perizie chimico-ambientale ed epidemiologica realizzate dagli esperti incaricati dal Giudice per le Indagini Preliminari, dott.ssa Patrizia Todisco, agli inizi dell’inchiesta sull’Ilva, nel corso dell’incidente probatorio nel procedimento penale c.d. “Ambiente Svenduto”.
E pur rigettando la misura richiesta di fermare l’attività del siderurgico, la Corte ha chiesto che il piano anti-inquinamento sia messo in atto il prima possibile, stroncando di fatto i decreti Salva-Ilva che avevano garantito l’immunità penale ad ArcelorMittal che avrebbero dovuto assicurare la protezione della salute e dell’ambiente.
“La valutazione d’impatto ambientale (VIA) e la valutazione d’impatto sanitario (VIS) – interviene Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale – dovrebbero essere i mattoni fondanti su cui costruire attività sostenibili per l’ambiente e per la salute umana. A Taranto si è data negli anni priorità al lavoro: oggi l’Italia tutta ne paga le conseguenze e a Taranto si continua a morire. È necessario un cambio di rotta che passi attraverso una innovazione green su base scientifica validata. Perchè salute, ambiente e lavoro possano convivere e a Taranto essere ristabiliti i diritti civili della popolazione”.
Ed è proprio la Società Italiana di Medicina Ambientale ad aver chiamato a raccolta la popolazione pugliese lo scorso 21 Novembre, dando appuntamento per una giornata aperta alla società civile, associazioni e a tutti i soggetti a vario titolo interessati e coinvolti. L’obiettivo era ridare voce ai bambini tarantini, primi tra tutti ad essere stati privati anche del Diritto di sognare. Oggi la Corte Europea ha dato loro ragione.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì alle 10:00.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.