India, ora le importazioni di pellicce saranno illegali
I

I più letti

Scoperte grandi orme fossili sulle Alpi Occidentali: “Lasciate in un tempo geologico che si credeva inospitale”

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi delle Università di Torino, Roma Sapienza, Genova, Zurigo e...

Decreti Sementi-OGM, “sventato tentativo di aprire agli OGM”

Comunicato congiunto di Slow Food e di altre 25 associazioni “Esprimendo la nostra preoccupazione per una situazione governativa così difficile...

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Con l’inizio del nuovo anno l’India ha adottato un provvedimento storico che colpisce duramente l’industria della pelliccia a livello mondiale: stop alle importazioni di pellicce di visone, volpe, cincillà e anche di pelli esotiche.

Promotrice di questa svolta è Maneka Sanjay Gandhi, Ministro per le donne e i bambini, che nei mesi scorsi aveva sollecitato il proprio Governo ad adottare restrizioni sul commercio dei prodotti di pellicceria evidenziando le crudeltà che questi animali devono subire. Una iniziativa che ha trovato il consenso diretto anche del Ministero dell’Ambiente e della Commissione per il Benessere Animale.

Dopo il divieto europeo di commercio di prodotti derivanti dalla caccia commerciale delle foche, in vigore dal 2010, questa è la seconda volta che un Paese vieta o pone delle restrizioni al commercio di pellicce sulla base di ragioni etiche e di benessere animale.

Le ultime

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.