Mauritius, approvato l’utilizzo degli animali nella sperimentazione

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

Il 27 gennaio scorso il Governo delle Mauritius, in accordo con il Ministero dell’Agricoltura e della sicurezza alimentare, ha approvato l’utilizzo di animali per la ricerca in loco. Alle già incredibili violenze legate alla cattura di questi animali, e la loro esportazione in tutto il mondo, si aggiunge il dolore della sperimentazione.

Un cambiamento in controtendenza rispetto alle indicazioni legislative che intendono sostituire in tutta l’UE l’uso di primati catturati in natura e le forti restrizioni per queste specie nella ricerca.

Da anni la ECEAE (Coalizione europea contro la vivisezione, di cui la LAV è rappresentate per l’Italia) è impegnata per chiedere la fine del commercio di primati e si dice in una nota “fortemente delusa dalla decisione presa dal Governo delle Mauritius, nonostante sia stato contattato più volte dalle associazioni animaliste per far cessare la cattura di questi primati, in una battaglia che negli anni ha raccolto il sostegno di compagnie aeree e industrie, che collaborano con le Mauritius, contrarie alla tratta di scimmie per i laboratori”.

Cuccioli e adulti vengono catturati brutalmente nella foresta, imprigionati per sempre dentro allevamenti o spediti per finire sui tavoli dei laboratori dove subiscono test molto invasivi, che spesso comportano operazioni al cranio e impianti nel cervello, test tossicologici, e gravi deprivazioni socialie emotive, come la separazione dalle madri o l’isolamento forzato.

Così, e Mauritius si allontanano sempre di più dalle immagini paradisiache delle spiagge da cartolina che tanto attraggono i turisti di tutto il Mondo.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.