Mauritius, approvato l’utilizzo degli animali nella sperimentazione
M

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Il 27 gennaio scorso il Governo delle Mauritius, in accordo con il Ministero dell’Agricoltura e della sicurezza alimentare, ha approvato l’utilizzo di animali per la ricerca in loco. Alle già incredibili violenze legate alla cattura di questi animali, e la loro esportazione in tutto il mondo, si aggiunge il dolore della sperimentazione.

Un cambiamento in controtendenza rispetto alle indicazioni legislative che intendono sostituire in tutta l’UE l’uso di primati catturati in natura e le forti restrizioni per queste specie nella ricerca.

Da anni la ECEAE (Coalizione europea contro la vivisezione, di cui la LAV è rappresentate per l’Italia) è impegnata per chiedere la fine del commercio di primati e si dice in una nota “fortemente delusa dalla decisione presa dal Governo delle Mauritius, nonostante sia stato contattato più volte dalle associazioni animaliste per far cessare la cattura di questi primati, in una battaglia che negli anni ha raccolto il sostegno di compagnie aeree e industrie, che collaborano con le Mauritius, contrarie alla tratta di scimmie per i laboratori”.

Cuccioli e adulti vengono catturati brutalmente nella foresta, imprigionati per sempre dentro allevamenti o spediti per finire sui tavoli dei laboratori dove subiscono test molto invasivi, che spesso comportano operazioni al cranio e impianti nel cervello, test tossicologici, e gravi deprivazioni socialie emotive, come la separazione dalle madri o l’isolamento forzato.

Così, e Mauritius si allontanano sempre di più dalle immagini paradisiache delle spiagge da cartolina che tanto attraggono i turisti di tutto il Mondo.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.