Mauritius, approvato l’utilizzo degli animali nella sperimentazione
M

I più letti

In libreria un manuale per supereroi salvambiente

E' uscito nelle libere all'inizio di settembre “IO CI TENGO! Manuale per supereroi salvambiente”. La pubblicazione, che...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Il 27 gennaio scorso il Governo delle Mauritius, in accordo con il Ministero dell’Agricoltura e della sicurezza alimentare, ha approvato l’utilizzo di animali per la ricerca in loco. Alle già incredibili violenze legate alla cattura di questi animali, e la loro esportazione in tutto il mondo, si aggiunge il dolore della sperimentazione.

Un cambiamento in controtendenza rispetto alle indicazioni legislative che intendono sostituire in tutta l’UE l’uso di primati catturati in natura e le forti restrizioni per queste specie nella ricerca.

Da anni la ECEAE (Coalizione europea contro la vivisezione, di cui la LAV è rappresentate per l’Italia) è impegnata per chiedere la fine del commercio di primati e si dice in una nota “fortemente delusa dalla decisione presa dal Governo delle Mauritius, nonostante sia stato contattato più volte dalle associazioni animaliste per far cessare la cattura di questi primati, in una battaglia che negli anni ha raccolto il sostegno di compagnie aeree e industrie, che collaborano con le Mauritius, contrarie alla tratta di scimmie per i laboratori”.

Cuccioli e adulti vengono catturati brutalmente nella foresta, imprigionati per sempre dentro allevamenti o spediti per finire sui tavoli dei laboratori dove subiscono test molto invasivi, che spesso comportano operazioni al cranio e impianti nel cervello, test tossicologici, e gravi deprivazioni socialie emotive, come la separazione dalle madri o l’isolamento forzato.

Così, e Mauritius si allontanano sempre di più dalle immagini paradisiache delle spiagge da cartolina che tanto attraggono i turisti di tutto il Mondo.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.