Aveto, da caserma abbandonata a rifugio ecosostenibile: apre le “Casermette del Penna”
A

I più letti

Dalla carne sintetica agli insetti, sottosegretario Centinaio: “Farm to Fork Di male in peggio”

“Prima la carne sintetica, adesso gli insetti. Se la sostenibilità per Bruxelles significa questo, purtroppo non possiamo che manifestare...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

A sei mesi di distanza dall’impresa della riapertura della Miniera di Gambatesa sulle alture di Borzonasca in Liguria, il Parco Naturale Regionale dell’Aveto raggiunge un altro obiettivo: l’apertura al pubblico di un altro dei nuovi rifugi, forse il più bello e senza dubbio il più celebre e atteso: il Rifugio Casermette del Penna, in Comune di Santo Stefano d’Aveto, una “piccola Svizzera”. L’inaugurazione ufficiale sabato 17 giugno.

I lavori al rifugio si sono protratti per molto tempo ma l’innovazione richiede i suoi tempi: sono stati istallati impianti a fonti rinnovabili, ad energia solare e biomasse legnose, mentre l’arredo funzionale è stato realizzato da parte di falegnami locali, per valorizzare il legname delle foresta regionale, semilavorato e stagionato in bosco. Un impegno, quello nei confronti della valorizzazione dell’ambiente e dell’economia locale, che il Parco dell’Aveto aveva già preso, attivando la filiera del bosco a Km Zero in linea con le possibilità di sviluppo sostenibile della montagna ligure. Il rifugio poi è stato ricavato restaurando e adattando le vecchie caserme della Guardia Forestale, inutilizzate da decenni e ospitato in paesaggio unico in Liguria, immerso in una faggeta secolare ai piedi del monte Penna, a 1400 metri di quota.

Il sito delle Casermette, raggiungibile non solo a piedi ma anche in auto, sarà fruibile durante tutto l’anno: in primavera-estate, come meta di gitanti ed escursionisti, grazie all’ambiente boscato e all’ombreggiamento dei dintorni, garanzia di frescura, o come punto di partenza per escursioni; in autunno, in particolare per la raccolta funghi, e in inverno e inizio primavera per la pratica di attività e sport della neve, e in particolare per lo sci di fondo (la foresta ospita una delle pochissime piste da fondo della Liguria) e l’escursionismo con le ciaspole.
La gestione del rifugio è stata affidata dal Parco Naturale Regionale dell’Aveto, a seguito di gara ad evidenza pubblica, all’Associazione d’impresa tra l’Albergo Ristorante “Le Fate” e la Cooperativa “Alta Val d’Aveto” di Casoni di Amborzasco, che ricomprende imprenditori locali dell’accoglienza e dei servizi agro-forestali: un connubio che premia il saper fare della gente del posto, e che garantisce una gestione attenta alla tradizione e all’identità locali, con buona conoscenza del territorio.

Le ultime

Dalla carne sintetica agli insetti, sottosegretario Centinaio: “Farm to Fork Di male in peggio”

“Prima la carne sintetica, adesso gli insetti. Se la sostenibilità per Bruxelles significa questo, purtroppo non possiamo che manifestare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.