Aveto, da caserma abbandonata a rifugio ecosostenibile: apre le “Casermette del Penna”
A

I più letti

Industria del seme, “le tecniche di miglioramento genetico garantiscono cibo sicuro, sano e senza sprechi”

"Investire e sostenere l’innovazione vegetale è un passo concreto per garantire la sicurezza alimentare. L’incremento dei raccolti e della...

Come sarà l’economia circolare del futuro?

San Francesco d'Assisi è stato una delle persone più importanti del mondo religioso. Egli simboleggia un...

“Disastroso accordo sulla Pac, resa incondizionata alle lobby dell’agricoltura industriale”

Secondo Slow Food sarebbe “disastroso l’ accordo tra le maggiori forze politiche del Parlamento Ue sulla riforma della Pac...
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

A sei mesi di distanza dall’impresa della riapertura della Miniera di Gambatesa sulle alture di Borzonasca in Liguria, il Parco Naturale Regionale dell’Aveto raggiunge un altro obiettivo: l’apertura al pubblico di un altro dei nuovi rifugi, forse il più bello e senza dubbio il più celebre e atteso: il Rifugio Casermette del Penna, in Comune di Santo Stefano d’Aveto, una “piccola Svizzera”. L’inaugurazione ufficiale sabato 17 giugno.

I lavori al rifugio si sono protratti per molto tempo ma l’innovazione richiede i suoi tempi: sono stati istallati impianti a fonti rinnovabili, ad energia solare e biomasse legnose, mentre l’arredo funzionale è stato realizzato da parte di falegnami locali, per valorizzare il legname delle foresta regionale, semilavorato e stagionato in bosco. Un impegno, quello nei confronti della valorizzazione dell’ambiente e dell’economia locale, che il Parco dell’Aveto aveva già preso, attivando la filiera del bosco a Km Zero in linea con le possibilità di sviluppo sostenibile della montagna ligure. Il rifugio poi è stato ricavato restaurando e adattando le vecchie caserme della Guardia Forestale, inutilizzate da decenni e ospitato in paesaggio unico in Liguria, immerso in una faggeta secolare ai piedi del monte Penna, a 1400 metri di quota.

Il sito delle Casermette, raggiungibile non solo a piedi ma anche in auto, sarà fruibile durante tutto l’anno: in primavera-estate, come meta di gitanti ed escursionisti, grazie all’ambiente boscato e all’ombreggiamento dei dintorni, garanzia di frescura, o come punto di partenza per escursioni; in autunno, in particolare per la raccolta funghi, e in inverno e inizio primavera per la pratica di attività e sport della neve, e in particolare per lo sci di fondo (la foresta ospita una delle pochissime piste da fondo della Liguria) e l’escursionismo con le ciaspole.
La gestione del rifugio è stata affidata dal Parco Naturale Regionale dell’Aveto, a seguito di gara ad evidenza pubblica, all’Associazione d’impresa tra l’Albergo Ristorante “Le Fate” e la Cooperativa “Alta Val d’Aveto” di Casoni di Amborzasco, che ricomprende imprenditori locali dell’accoglienza e dei servizi agro-forestali: un connubio che premia il saper fare della gente del posto, e che garantisce una gestione attenta alla tradizione e all’identità locali, con buona conoscenza del territorio.

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.