Dai merli all’aquila reale, parte il nuovo progetto antibracconaggio della Lipu
D

I più letti

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo...

Come sarà l’economia circolare del futuro?

San Francesco d'Assisi è stato una delle persone più importanti del mondo religioso. Egli simboleggia un...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

Attivati i primi campi antibracconaggio in Sardegna, grazie al nuovo progetto di volontariato della Lipu denominato Life Choona!, che sta per Choose the Nature – Scegli la Natura, finanziato dal programma Life dell’Unione Europea e sostenuto da Fondazione Cariplo. L’obiettivo è quello di reclutare 310 volontari, tra i 17 e i 30 anni, iscritti al Corpo europeo di solidarietà (European Solidarity Corps – ESC), la nuova iniziativa dell’Unione europea che offre ai giovani opportunità di volontariato, nel proprio paese o all’estero. I primi gruppi di volontari hanno iniziato in questi giorni le attività tramite i campi antibracconaggio sull’Isola, per contrastare il grave fenomeno dell’uccellagione, ossia la cattura illegale di piccoli uccelli come merli, tordi e pettirossi.

Più in generale, il progetto presterà attenzione a otto specie di uccelli protetti dalla Direttiva Uccelli e a tre specie fortemente minacciate da attività illegali in ambienti italiani, all’interno di siti della rete Natura 2000, di parchi nazionali e regionali, così come in altri ambienti naturali, come per esempio il fratino, l’aquila reale, la cicogna bianca e il falco della regina.

Il progetto mira a creare 22 gruppi di volontari (iscrizioni aperte alla pagina www.lipu.it/choona) tra i 17 e i 30 anni, che opereranno in diverse regioni italiane dove saranno impegnati in attività di perlustrazione e censimento dei nidi, monitoraggio della popolazione, sensibilizzazione della comunità locale e divulgazione delle problematiche ambientali. La durata è due anni e si richiedono un minimo di 42 giornate di volontariato.

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.