Consumo di carbone, previsione a cinque anni: scende l’Europa, si impenna l’India
C

I più letti

“Italia promontorio d’Europa nel Mediterrano” ma il mare è il grande assente dal Recovery Plan: l’intervista a Rosalba Giugni

E’ di oggi la notizia dell’istituzione di un Comitato Interministeriale per la transizione ecologica (CITE) alla presidenza del Consiglio...

Una “green belt” contro il consumo di suolo e la critica alla transizione ecologica globalista: la ricetta verde di Fratelli d’Italia

La visione ecologica di Fratelli d'Italia nell'intervista a Nicola Procaccini: dalla "cinta verde urbana" che regola il consumo di...

Etichetta energetica per elettrodomestici, da oggi si cambia

L’Unione Europea introduce a partire da oggi, 1° marzo 2021, in tutti i Paesi membri, la nuova e migliorata etichetta...

Tutti i principali paesi del mondo lo scorso anno hanno ridotto il consumo di carbone, ad eccezione dell’India. E i consumi continueranno a diminuire in Europa, Usa e Cina, ma aumenteranno in mercati emergenti come sudest asiatico, Bangladesh, Pakistan e India, dove la domanda è prevista in crescita del 4% ogni anno fino al 2022. Ne consegue che nei prossimi 5 anni la domanda globale di carbone resterà sostanzialmente invariata, andando a creare un decennio di stagnazione del mercato. Lo prevede la IEA (International Energy Agency) che proietta le stime del periodo 2017 – 2022 e fa il punto sulla situazione attuale con il nuovo rapporto Coal 2017: l’anno scorso il consumo mondiale di carbone si è attestato a 5,3 miliardi di tonnellate, con un calo dell’1,9% su base annua, ma soprattutto il 4,2% in meno in confronto al 2014 che secondo gli analisti è stata determinata dal calo del prezzo del gas, dall’incremento delle rinnovabili e dal miglioramento dell’efficienza energetica.

La IEA prevede un consumo complessivo di 5,5 miliardi di tonnellate nel 2022, quando il carbone rappresenterà il 26% del mix energetico globale rispetto al 27% del 2016.

Le ultime

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.