Giornata Nazionale contro gli Incidenti in Montagna: torna “Sicuri con la neve”
G

Domenica 21 gennaio in 50 località montane di 15 regioni Club alpino italiano e Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico daranno utili informazioni e organizzeranno dimostrazioni sui comportamenti da adottare per diminuire i rischi legati alla frequentazione dell'ambiente innevato.

I più letti

“Disastroso accordo sulla Pac, resa incondizionata alle lobby dell’agricoltura industriale”

Secondo Slow Food sarebbe “disastroso l’ accordo tra le maggiori forze politiche del Parlamento Ue sulla riforma della Pac...

Rischio di contagio da Covid al chiuso: arriva “APRI”, il progetto sulla qualità dell’aria indoor

“SIMA sta realizzando un algoritmo previsionale di rischio di propagazione del coronavirus in ambienti indoor. I...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più...

È stata fissata come ogni anno la terza domenica di gennaio la nuova edizione di “Sicuri con la neve”, giornata nazionale di prevenzione contro gli incidenti in montagna tipici della stagione invernale, causati nella maggioranza dei casi da scivolate sul ghiaccio, valanghe e ipotermia.

Domenica 21 gennaio, dunque, in 50 località montane di 15 regioni italiane, Club alpino italiano e Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico organizzeranno presidi dei percorsi scialpinistici ed escursionistici con la diffusione di utili consigli, stand informativi e campi neve, dove saranno date informazioni e saranno effettuate dimostrazioni di ricerca e di autosoccorso in valanga, adatte anche ai più giovani. Quattordici appuntamenti si terranno in Toscana, 6 in Piemonte, 5 in Lombardia e 4 in Veneto.

LE RACCOMANDAZIONI – I due enti ricordano, soprattutto in un inverno nel quale la neve è tornata a scendere copiosa sulle montagne italiane, la pari importanza sia della conoscenza delle necessarie precauzioni da prendere prima dell’escursione, sia dell’apprendimento dei comportamenti da osservare in caso di incidente. La stagione invernale rivela infatti dei rischi peculiari, sia per gli scialpinisti e per chi ama sciare in neve fresca, ma anche per chi ama fare escursioni con le ciaspole.

“Da tempo si parla di destagionalizzare la montagna, proponendo attività suscettibili di essere praticate lungo tutto il corso dell’anno. Attività che però espongono i frequentatori agli oggettivi pericoli dell’ambiente”, afferma il Presidente generale del CAI Vincenzo Torti. “Proprio per questo le giornate di prevenzione come “Sicuri con la neve” si inseriscono a pieno titolo nella concreta attuazione dei dettati statutari del Club alpino italiano e della sua Sezione Nazionale CNSAS, allo scopo dichiarato di sensibilizzare il maggior numero di persone a un avvicinamento all’ambiente montano, mai approssimativo, né superficiale”.

“Di incidenti da valanga si parla molto, forse perché le valanghe fanno fragore; ma noi vogliamo che non si perda l’attenzione anche per gli incidenti su cascate di ghiaccio, per l’ipotermia, per le scivolate su terreno gelato, perché, numericamente parlando, queste casistiche sono più preoccupanti delle valanghe”, afferma il responsabile del progetto Elio Guastalli. “A volte si nota una certa superficialità nella preparazione personale, la montagna va frequentata in libertà ma con preparazione, grande consapevolezza e indispensabile prudenza”.

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.