“Cento passi per volare”, Giuseppe Festa: la montagna di chi non vede con gli occhi

Con questo titolo Giuseppe Festa inaugura la nuova collana “I caprioli” di Salani Editore, realizzata sotto l’egida del Club alpino italiano e destinata ai ragazzi.

I più letti

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

“Avvicinarmi a chi non vede con gli occhi mi ha svelato un universo fisico e interiore inaspettato. Toccare, ascoltare, annusare la montagna mi ha fatto comprendere ancor di più quanto la realtà in cui viviamo sia dominata dal potere dell’immagine, e quanto sia diffusa la disabilità nell’uso emozionale degli altri sensi. Quei sensi. Quei sensi che, invece, sanno regalare una percezione del mondo straordinariamente ricca e personale, carica di stupore ancestrale”. Commenta così Giuseppe Festa l’uscita del suo nuovo libro “Cento passi per volare”. L’autore di “La luna è dei lupi” (Salani, 2016) continua a raccontare il rapporto tra la natura e l’uomo e continua a farlo attraverso gli occhi dei puri: dei ragazzi, non di quelli dei tablet e degli smartphone, ma di quelli che resistono a vivere nel mondo reale – e ahimè, sempre meno sperimentato – degli elementi naturali. “Cento passi per volare” nasce dall’incontro dell’autore con un ragazzo non vedente appassionato di animali e di montagna, capace di vivere la natura con grande intensità. In questo romanzo, Festa ha espresso in parole l’esperienza che lo ha ispirato, cercando di utilizzare descrizioni non legate al senso della vista. Con questo titolo inaugura la nuova collana “I caprioli” di Salani Editore, realizzata sotto l’egida del Club alpino italiano e destinata ai ragazzi.

LA TRAMA – E’ la storia di Lucio, quattordici anni, che da piccolo ha perso la vista. Ricorda ancora i colori e le forme delle cose, ma tutto adesso è avvolto dal buio. Ama la montagna, dove va spesso con Bea, la zia che adora, e si inebria dei profumi portati dal vento, dei suoni e dei versi degli animali. Impara a conoscerli meglio di quanto conosca se stesso e si arrampica per i sentieri con più sicurezza di molti ragazzi di città. Ed è durante una passeggiata sul Picco del Diavolo tra le Dolomiti che la sua storia si intreccia a quella di un aquilotto, Zefiro, rapito da bracconieri senza scrupoli. Tutto sembra perduto, ma la Montagna freme di vita e indizi, e potrebbe rivelare la verità a chi, come Lucio, la sa ascoltare. “Respirando affannosamente, si voltò verso il dirupo. In quel preciso momento un grido d’aquila riempì il cielo. L’aria vicino a lui si spostò, la sagoma del rapace gli sfrecciò davanti. Sembrava incitarlo. “Forza, afferra le mie zampe. Vola via con me.”

“Un romanzo da sentire con tutti i sensi, un’opportunità unica di intuire questi messaggi della natura che spesso rimangono segreti, e che accende la consapevolezza di quanto sia ricca la diversa normalità di chi non vede con gli occhi. Un’esperienza da vivere spiegando le ali”, spiegano in una nota congiunta CAI e Salani Editore. “Ora che le montagne “da conquistare” sono sempre più rare, lontane e difficili, sono le montagne “da vivere” quelle che più possiamo avvicinare, e questa collana di libri vuole in qualche modo accompagnarci a conoscere questo mondo in maniera consapevole”.

Le ultime

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la “patente” di patrimonio immateriale dell’umanità....

Covid, Coldiretti: “Solo lo 0,2% dei contagi in campagna, +29% sulle ricerche di abitazioni”

Appena lo 0,2% delle 54.128 dei casi di infortunio da Covid-19 registrate dall’Inail in Italia riguarda l’agricoltura, dove peraltro i mesi estivi...

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno raggiunto un accordo secondo il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.