Fucili e munizioni nelle grotte, blitz antibracconaggio nel Golfo di Salerno
F

Le operazioni di repressione del bracconaggio continueranno fino a chiusura della stagione venatoria e si avvarranno anche dell’ausilio di sofisticati sistemi di videosorveglianza e fototrappolaggio ad infrarossi.

I più letti

Lupo sulle Alpi: al MUSE di Trento sarà presentato il LIFE Wolfalps

Tornano in un'inedita veste solo online gli Incontri al Museo per parlare di fauna....

Pesticidi nelle acque, i Medici per l’Ambiente chiedono i dati il prima possibile

L’Associazione Medici per l’Ambiente-ISDE Italia ha ufficialmente, e da diverso tempo, chiesto all’ Ispra- Istituto superiore per...

Neanderthal, studi in corso sull’Uomo di Altamura

La ricerca scientifica punta nuovamente i riflettori sull’Uomo di Altamura, il più completo scheletro di Neanderthal...

Operazione antibracconaggio del Nucleo Carabinieri Forestali di Castellammare di Stabia che, assieme al WWF Terre del Tirreno, hanno effettuato un controllo delle zone di caccia nel Parco Regionale dei Monti Lattari e sul territorio della Penisola Sorrentina.

Durante un pattugliamento effettuato nei giorni scorsi, anche in orari notturni e all’alba, sono stati controllati numerosi cacciatori ed individuati diversi nascondigli, abilmente occultati tra la vegetazione e nelle grotte calcaree della dorsale dei lattari che guarda il golfo di Salerno, con 150 munizioni da caccia ed un fucile. Si tratta di un espediente per poter cacciare di frodo in qualsiasi periodo dell’anno, anche a caccia chiusa ed a specie protette: i fucili infatti non vengono portati da casa ma sono nascosti nella montagna, dopo averne abraso la matricola, sotto i muri, in grotte o tra la vegetazione, assieme alle munizioni, costituendo un ulteriore grave pericolo.

ANTIBRACCONAGGIO – “I rinvenimenti di questi giorni non sono certo un caso isolato – spiega Claudio d’Esposito Presidente del WWF Terre del Tirreno – solo tra Monte Comune e S. Maria del Castello, nel comune di Vico Equense, negli anni scorsi sono state individuate e sequestrate centinaia di cartucce nascoste e anche fucili da caccia, quasi sempre con matricola abrasa per non consentire di risalire al proprietario. Contro di loro il sistema di controllo e di repressione è ancora troppo scarso”.

Le operazioni di repressione del bracconaggio continueranno fino a chiusura della stagione venatoria e si avvarranno anche dell’ausilio di sofisticati sistemi di videosorveglianza e fototrappolaggio ad infrarossi.

Le ultime

Pesticidi nelle acque, i Medici per l’Ambiente chiedono i dati il prima possibile

L’Associazione Medici per l’Ambiente-ISDE Italia ha ufficialmente, e da diverso tempo, chiesto all’ Ispra- Istituto superiore per...

Neanderthal, studi in corso sull’Uomo di Altamura

La ricerca scientifica punta nuovamente i riflettori sull’Uomo di Altamura, il più completo scheletro di Neanderthal mai scoperto e uno fra...

“Agriturismi a KO a causa dei comuni blindati”

La decisione di blindare gli italiani nel proprio comune nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno mette ko le strutture...

“Aria di San Daniele”, l’aperitivo che supporta i ristoratori italiani

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele lancia un nuovo progetto solidale a sostegno del comparto Horeca. Nasce così Aria di San Daniele @Home, l’iniziativa...

Bombe nucleari USA: per l’80% degli italiani devono essere ritirate

Il verdetto degli italiani sulle armi atomiche è inequivocabile: ritirare le bombe atomiche americane dal territorio italiano e impiegare i soldi...

Vongole, OK UE alla riduzione della taglia minima pescabile

Arriva il via libera dell’europarlamento alla riduzione della taglia minima delle vongole pescabili in Italia. "Questo provvedimento salva la flotta nazionale...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.