Scimmie clonate in Cina, gli animalisti: “Un’aberrazione”
S

Enpa: un’aberrazione che ci fa compiere un salto a ritroso nel tempo. Il futuro della ricerca è cruelty free.

I più letti

Ricerca UniPg: dalla carne di coniglio una soluzione innovativa per i sistemi agroalimentari del Mediterraneo

Si chiama Omega Rabbit, è basato sulla carne di coniglio, e potrebbe diventare un alimento capace di rappresentare una soluzione...

Suber, la linea di design che dà una seconda vita ai tappi di sughero

Nasce “Suber" è la prima linea di oggetti di design realizzati interamente in Italia, con il sughero recuperato dal...

Innovazione, gli OLED illumineranno l’agricoltura del futuro

I ricercatori del Centro ENEA di Portici hanno sperimentato per la prima volta sistemi di illuminazione OLED sulle piante in ambienti chiusi, dimostrando come la luce diffusa e a...

“La scienza non può e non deve essere svincolata dall’etica, altrimenti diventa una forma di totalitarismo che purtroppo abbiamo ben conosciuto negli anni più bui del ‘900. Quando proprio in nome della scienza sono stati compiuti e motivati i peggiori crimini dell’uomo contro se stesso, contro gli animali, contro l’ambiente”. Così l’Ente Nazionale Protezione Animali sulla clonazione delle due scimmie, due macachi di preciso, in Cina.

LE DUE SCIMMIE CLONATE IN CINA – “D’altro canto – prosegue Enpa – parlare in questo caso di progresso e di passi avanti per la ricerca scientifica ci sembra del tutto fuori luogo. La clonazione dei primati, oltre ad essere eticamente inaccettabile, avviene nel solco di un metodo, la sperimentazione animale, che sempre più spesso viene messo in discussione dagli stessi scienziati. Il vero obiettivo di questa operazione dunque sembra essere quello di creare, come è stato detto, un esercito di animali con cui riempire i laboratori, naturalmente, e con cui macinare profitti”.

“Insomma, invece di puntare su filoni di ricerca molto più promettenti – prosegue Enpa – come i modelli di simulazione computerizzata o le coltivazioni cellulari in laboratorio (con questo sistema la Johns Hopkins di Baltimora ha sviluppato mini-cervelli umani) una parte del mondo scientifico continua a seguire strategie anacronistiche e controproducenti, vista la differenza biologica tra un organismo animale e uno umano. E, di conseguenza, l’impossibilità di trasferire tout court all’uomo i risultati degli esperimenti condotti su topi, cani e primati.

“Dal punto di vista etico, la clonazione dei macachi rappresenta un’aberrazione, pure in considerazione delle sofferenze che, con la gestazione forzata, vengono inflitte alle “mamme dei cloni”. Ed è proprio per evitare queste sofferenze che, in un altro settore, quello dell’allevamento, due anni fa il Parlamento Europeo ha messo al bando la clonazione di animali. Dal punto di vista scientifico, tale invece, rappresenta un preoccupante e pericoloso salto a ritroso nel tempo. Ma in fondo – conclude Enpa – forse la sperimentazione e la ricerca di nuove terapie sono solo pretesti per legittimare esperimenti fuori controllo di apprendisti stregoni. E a quel punto non ci saranno più frontiere né limiti”.

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.