Perugia, gatto scuoiato nel garage degli orrori: assolto
P

"Attendiamo di leggere le motivazioni della sentenza ma chiediamo da subito al Pubblico Ministero di ricorrere in appello contro questa incredibile sentenza", il commento della Lav che si era costituita parte civile.

I più letti

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo...

L’81% degli habitat è in peggioramento, preoccupazione per terreni erbosi, torbiere e dune: il rapporto dell’Agenzia Ambientale Europea

Agricoltura e selvicoltura non sostenibili, espansione urbana incontrollata e inquinamento sono i principali fattori a cui va imputato il...

Il caso era balzato agli onori della cronaca nell’autunno del 2014 quando, nell’ambito delle indagini relative ad gatto scuoiato ritrovato di fronte al cancello di una scuola nel quartiere San Sisto, i Carabinieri fecero ingresso in un magazzino nel quale trovarono quattro maschere in pelle costituite da teste di gatto scuoiate, una ghigliottina, uno strumento per immobilizzare gli animali, vari utensili da chirurgo e siringhe usate, un vaso di vetro contenente una testa e zampe di gatto immerso in liquido, altri vasi di vetro immersi in materiale organico, coltelli, uncini e martellini.

LA SENTENZA – Ieri mattina l’avvocato difensore del giovane ventitreenne Franco Libori, individuato come il colpevole, ha ottenuto dal giudice Noviello l’assoluzione del suo assistito – come aveva chiesto sin dall’inizio del processo – per “l’assoluta mancanza di prove per quanto riguarda l’uccisione del gatto ritrovato davanti alla scuola”.

IL GATTO SCUOIATO – “Siamo sgomenti di fronte a questa sentenza pronunciata dal Tribunale di Perugia nei confronti dell’imputato. Attendiamo di leggere le motivazioni della sentenza ma chiediamo da subito al Pubblico Ministero di ricorrere in appello contro questa incredibile sentenza”, questo il commento di Ilaria Innocenti, responsabile Lav (Lega Italiana Anti Vivisezione) Area Animali Familiari, alla notizia della sentenza emessa ieri. Lav ed Enpa, si erano costituite parte civile ed avevano avanzato richieste specifiche: per la Lav, assistita dall’avvocato Gemma Bracco, oltre al massimo della pena era stato stato chiesto un risarcimento pari a ventimila euro, mentre l’Enpa (Ente nazionale protezione animali) aveva avanzato un risarcimento pari a ottomila euro, oltre che l’applicazione della misura di sicurezza per l’imputato.

 

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.