Sicilia, Nebrodi commissariati: Musumeci destituisce Giuseppe Antoci
S

Il presidente Sammuri: "Scelta inattesa e immotivata. L’area protetta è tra le più virtuose. Giuseppe uomo di grande valore e coraggio"

La striscia disallineata

Giuseppe Antoci, scampato in passato anche a un attentato mafioso, lascerà la guida del Parco regionale dei Nebrodi. Il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci sta procedendo in queste ore al commissariamento del Parco dell’Etna e dei Nebrodi (in scadenza tra pochi mesi), dopo aver già commissariato i parchi dei Monti Sicani, dell’Alcantara e delle Madonie. Al posto degli attuali presidenti arriveranno dei funzionari della Regione.

“Si tratta di una notizia inattesa – commenta il presidente di Federparchi Europarc Italia Giampiero Sammuri – che non si capisce come possa essere motivata. La scadenza naturale per la presidenza del parco dei Nebrodi era fissata a ottobre. L’area protetta è tra le più virtuose della Sicilia e Antoci, negli ultimi anni, è divenuto un’icona dell’ambientalismo internazionale, ricevendo nel 2016 il premio Alfred Toepfer, primo italiano a ottenere l’ambito riconoscimento assegnato ogni anno da Europarc a coloro i quali si sono distinti per azioni in favore della natura e della conservazione della biodiversità. Attraverso atti e azioni concrete, Antoci, che vive costantemente sotto scorta, è un esempio a livello continentale dell’impegno a favore del territorio e delle aree protette. Il suo è un quotidiano sacrificio, un atto di amore e coraggio verso la Sicilia, che evidentemente a qualcuno dà fastidio”.

FLASH

Le ultime

Cowspiracy e non solo: i documentari a tema ambientale disponibili su Netflix

È importante tenersi aggiornati sui temi legati all’ambiente, perché si parla di un argomento che riguarda da vicino tutti...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.