Neve a Roma, al Bioparco gli animali tutti al caldo
N

I più letti

Cinghiali, ora possiamo sapere quanti sono grazie ai visori termici: lo studio dell Cnr

I ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr e dell’Istituto per la ricerca e la protezione ambientale hanno rivisto...

L’Australia a un anno dagli incendi: 49 specie hanno perso l’80% del proprio habitat

A circa un anno dalla stagione di incendi senza precedenti che da giugno 2019 a febbraio 2020 ha colpito...

Riscaldamento oceani, nuovo record nel 2020: il Mediterraneo è sempre più caldo e salato

Il contenuto termico degli oceani (l’energia termica presente nell'oceano sotto forma di calore) nel 2020 è il più elevato...

“Tutto sotto controllo al Bioparco di Roma. I nostri keeper, anche in vista del crollo delle temperature previsto per domani, hanno messo a punto le apposite procedure per mettere in sicurezza gli animali – dichiara il presidente della Fondazione Bioparco, Federico Coccìa. I keeper inoltre compiono un attento monitoraggio su eventuali sintomi dell’esposizione al freddo e predispongono diete speciali per alcune specie che consistono in pasti a base di alimenti ad alto contenuto calorico”. Al Bioparco i ricoveri al chiuso sono perfettamente riscaldati, alcuni sono dotati di impianti a pavimento, come quello delle scimmie antropomorfe.

L’area delle scimmie più piccole del mondo (tamarini e uistitì) è invece provvista di un moderno impianto di riscaldamento che si attiva quando la temperatura scende al di sotto di quella programmata (intorno ai 22°). Sono inoltre presenti piastre termiche. Nell’area interna degli elefanti asiatici e all’interno della ‘Casa delle giraffe’ la presenza di pompe di calore permette di mantenere una temperatura costante di circa 15°.

Gli ippopotami pigmei possono contare su una potente lampada riscaldante, mentre i tapiri hanno a disposizione, all’interno della stalla, una lettiera di truciolato e una piastra riscaldante. Particolare attenzione per gli animali del Rettilario dove ogni teca ha la temperatura regolata secondo le esigenze della specie. Nell’area interna del drago di Komodo si trova un sistema di ‘riscaldamento combinato’: oltre alla pompa di calore e al riscaldamento a pavimento, è infatti presente una lampada molto potente (4.500 watt) dove questi grandi rettili possono avvicinarsi quando ne sentono il bisogno.

Tra i nostri animali – conclude Coccìa – c’è anche chi oggi ha festeggiato come i macachi del Giappone, i cammelli della Battriani, gli orsi e i lupi che si sono esibiti in corse e capriole sul manto bianco.

Le ultime

Innovazione, gli OLED illumineranno l’agricoltura del futuro

I ricercatori del Centro ENEA di Portici hanno sperimentato per la prima volta sistemi di illuminazione OLED sulle piante in ambienti chiusi, dimostrando come la luce diffusa e a...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.