2.8 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
Italiaambiente è partner di Adnkronos

La Commissione Ue quadra il bilancio ma taglia i fondi all’agricoltura
L

La striscia

Confagricoltura e Coldiretti: “Non dobbiamo essere noi a pagare la Brexit

Roma – “Tagliare i fondi all’agricoltura per far quadrare i conti di un bilancio che resterà inadeguato, dimostra che c’è scarsa fiducia sul futuro della costruzione europea”. Questo il commento del presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, in relazione alla  proposta della Commissione europea sul nuovo quadro finanziario della UE (periodo 2012-2017), che prevede la riduzione delle spese destinate all’agricoltura per un ammontare di circa 40 miliardi di euro a prezzi correnti rispetto all’attuale dotazione. In particolare, i trasferimenti diretti agli agricoltori potrebbero subire un taglio superiore al 7%.

“È sbagliata e da respingere al mittente – ha aggiunto il presidente di Confagricoltura –  anche la proposta di ridurre i trasferimenti alle imprese di maggiore dimensione. Vale a dire, quelle che assicurano la maggior parte dei posti di lavoro, producono per il mercato interno e per le esportazioni e sono aperte all’innovazione. Le vere imprese agricole – ha continuato Giansanti – hanno assicurato produzioni abbondanti, sicurezza alimentare, tutela del territorio e delle risorse naturali. Il tutto ad un costo che non arriva a trenta centesimi al giorno ad abitante. Alla luce di queste cifre, i tagli proposti dalla Commissione europea sono inaccettabili”.

Non meno preoccupato e contrario il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo che ci va giù piuttosto duro. “A pagare il conto della Brexit non puo’ essere l’agricoltura che è un settore chiave per vincere le nuove sfide che l’Unione deve affrontare, dai cambiamenti climatici, all’immigrazione, alla sicurezza. Roberto Moncalvo nel commentare. La proposta della Commissione Ue sul primo bilancio pluriennale dopo l’uscita della Gran Bretagna, prevede una riduzione complessiva per le spese di Politica Agricola Comune (PAC) che ammonta al 9,5%. Indebolire l’agricoltura, che è l’unico settore realmente integrato dell’Unione, significa minare le fondamenta della stessa Ue in un momento particolarmente critico per il suo futuro. Il taglio dei fondi destinati all’agricoltura (Pac) nel bilancio per l’UE è insostenibile per le imprese e per i cittadini europei che per il 90% sostengono la politica agricola”.

 

FLASH

Le ultime

OnePlus lancia il suo primo tablet, con schermo record

(Adnkronos) - OnePlus Pad è il primo tablet dell'azienda, presentato insieme con il nuovo smartphone OnePlus 11 5G: la...

Forse ti può interessare anche