Stop alle botticelle, dal Campidoglio: “Non possiamo abolirle”
S

E oggi andrà a votazione la delibera popolare promossa nel 2015, già bocciata in Commissione Ambiente.

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Roma – Michela Vittoria Brambilla non demorde. Pur di vedere approvata la delibera d’iniziativa popolare n.51/2015, oggi all’ordine del giorno in Campidoglio, si rivolge a tutti i consiglieri capitolini invitandoli a votare la proposta, che stopperebbe una volta per tutte le botticelle romane. Altrimenti – come si legge in un comunicato del suo Movimento – “si vedrà chi è davvero per il cambiamento”.
“Benché porti la firma della nostra presidente – ricorda Simona Bazzoni, responsabile organizzativa del Movimento – è l’unica proposta depositata in Parlamento che vieta sul territorio nazionale l’utilizzo di animali ”per la trazione di veicoli adibiti al servizio di piazza e a servizi non di linea finalizzati al trasporto di persone”. Siamo pienamente convinti che rientri nel diritto, e nel dovere, dei Comuni proteggere gli animali sul proprio territorio anche regolando le attività che potrebbero comprometterne l’integrità fisica e il benessere. I Comuni non sono obbligati ad istituire o mantenere servizi non di linea a trazione animale e gli interessi legittimi di chi già possiede una licenza si possono ben tutelare attraverso la riconversione”.
La proposta, però, già bocciata in Commissione ha poche possibilità d’essere approvata così com’è e dunque e più probabile un altro rinvio. “Ci sono i pareri contrari del dipartimento ambiente e dell’avvocatura” ha fatto sapere Daniele Diaco presidente della commissione Ambiente. La proposta di delibera infatti, chiede “l’abolizione da parte del Comune del servizio delle botticelle con la riconversione delle licenze in altre attività di trasporto”, ma sarebbe in contrasto con la normativa nazionale (Legge n. 21/1992) che prevede l’attività. “A vietarla in termini assoluti deve pensare il Parlamento, il Comune può solamente modificarla” spiega Diaco. Mentre il presidente dell’Associazione dei Vetturini Romani Angelo Sed: “Siamo soddisfatti del parere espresso in Commissione. C’è una legge nazionale che prevede e disciplina la nostra presenza, noi amiamo davvero gli animali. Anzi è il Comune che dimostra di non amarli mettendo paletti assurdi nel regolamento. Basta pensare al divieto di percorrere via dei Fori Imperiali, ci costringere a fare un giro lunghissimo che fa solo stancare i cavalli”.

E LE BOTTICELLE ELETTRICHE? – Eppure la Giunta Raggi, proprio con le parole di Andrea Diaco, si era impegnata nel luglio dello scorso anno a presentare un nuovo prototipo di botticella elettrica, che non prevedeva l’impiego del cavallo. Chiosava Diaco ad un convegno sull’energia pulita organizzato dal Codacons: “Ne realizzeremo 20. La svolta sarà il nuovo regolamento che tra poco verrà discusso nelle commissioni Ambiente e Mobilità e poi in Aula. E quando sarà approvato – spiega Diaco – i cavalli scompariranno dalle strade di Roma. I vetturini, che attualmente sono 47, avranno tre possibilità: convertire la licenza in una licenza taxi, continuare a condurre carrozzelle con cavalli, ma solo nelle ville storiche, passare alle botticelle elettriche”.
Eppure non sembrerebbe affatto.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.