Il rilancio turistico della montagna parte dal Garda
I

I più letti

Decreti Sementi-OGM, “sventato tentativo di aprire agli OGM”

Comunicato congiunto di Slow Food e di altre 25 associazioni “Esprimendo la nostra preoccupazione per una situazione governativa così difficile...

Il vino durante la pandemia: chiusi bar e ristoranti, vola ecommerce e grande distribuzione

“In futuro una delle sfide più importanti delle cantine sarà quella di modernizzarsi per adattarsi alle richieste di un...

Scoperte grandi orme fossili sulle Alpi Occidentali: “Lasciate in un tempo geologico che si credeva inospitale”

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi delle Università di Torino, Roma Sapienza, Genova, Zurigo e...

Riva del Garda – Si riunisce oggi l’Assemblea Generale 2018 di ANEF, l’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari, che terminerà venerdì 11 maggio.  Sarà l’occasione – si legge in un comunicato- per osservare e raccontare il mondo del turismo di montagna attraverso i progetti che stanno ridisegnando il settore, e che gli stessi operatori considerano un’opportunità per dare concretezza a una visione: quella di una montagna per tutti e di tutti, da amare e conoscere.
Si aprirà con una delegazione di atleti paralimpici e olimpici di ritorno dalle Olimpiadi Invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud, dove hanno degnamente rappresentato l’Italia e il comparto degli sport invernali. Saranno guidati dai Presidenti di FISI e FISIP e da illustri rappresentanti dei Corpi Militari di rispettiva appartenenza.
Dopo i saluti dei rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, la Presidente di ANEF Valeria Ghezzi entrerà nel vivo dell’incontro con la sua relazione annuale. Tracciato un bilancio dell’anno trascorso, la Presidente rilancerà i grandi temi che vedono al centro l’Associazione: i trasporti, il turismo, l’ambiente, con un focus particolare sul tema centrale dell’Assemblea, ovvero la capacità di fare sistema tra operatori della montagna. Le aziende funiviarie rivestono infatti un innegabile valore strategico per l’intera filiera economica, per il sistema turistico e per gli equilibri socio-economici delle località montane. Da un lato, i grandi progetti di collegamento a fune, a fronte di un consumo di territorio minimo, costituiscono un vettore di crescita esponenziale per tutto l’indotto. Dall’altro, gli investimenti sui piccoli comprensori accrescono l’attrattiva delle località “minori”, aprendole a un turismo di nicchia ma non meno prezioso.
Conclusa la relazione, spazio alla tavola rotonda dal titolo “Il turismo – Industria al centro dell’economia e delle comunità di montagna”.

Le ultime

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.