Il rilancio turistico della montagna parte dal Garda
I

I più letti

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Riva del Garda – Si riunisce oggi l’Assemblea Generale 2018 di ANEF, l’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari, che terminerà venerdì 11 maggio.  Sarà l’occasione – si legge in un comunicato- per osservare e raccontare il mondo del turismo di montagna attraverso i progetti che stanno ridisegnando il settore, e che gli stessi operatori considerano un’opportunità per dare concretezza a una visione: quella di una montagna per tutti e di tutti, da amare e conoscere.
Si aprirà con una delegazione di atleti paralimpici e olimpici di ritorno dalle Olimpiadi Invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud, dove hanno degnamente rappresentato l’Italia e il comparto degli sport invernali. Saranno guidati dai Presidenti di FISI e FISIP e da illustri rappresentanti dei Corpi Militari di rispettiva appartenenza.
Dopo i saluti dei rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, la Presidente di ANEF Valeria Ghezzi entrerà nel vivo dell’incontro con la sua relazione annuale. Tracciato un bilancio dell’anno trascorso, la Presidente rilancerà i grandi temi che vedono al centro l’Associazione: i trasporti, il turismo, l’ambiente, con un focus particolare sul tema centrale dell’Assemblea, ovvero la capacità di fare sistema tra operatori della montagna. Le aziende funiviarie rivestono infatti un innegabile valore strategico per l’intera filiera economica, per il sistema turistico e per gli equilibri socio-economici delle località montane. Da un lato, i grandi progetti di collegamento a fune, a fronte di un consumo di territorio minimo, costituiscono un vettore di crescita esponenziale per tutto l’indotto. Dall’altro, gli investimenti sui piccoli comprensori accrescono l’attrattiva delle località “minori”, aprendole a un turismo di nicchia ma non meno prezioso.
Conclusa la relazione, spazio alla tavola rotonda dal titolo “Il turismo – Industria al centro dell’economia e delle comunità di montagna”.

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.