Giappone, il programma di ricerca sulle balene annuncia di averne abbattute 333
G

I più letti

Approvata la legge sull’agricoltura biologica in Senato: “Un passo verso l’agroecologia”

Legambiente: “Finalmente un passo determinante verso l’agroecologia in vista dell’approvazione definitiva. Si tratta di un importante traguardo raggiunto per...

Scoperte grandi orme fossili sulle Alpi Occidentali: “Lasciate in un tempo geologico che si credeva inospitale”

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi delle Università di Torino, Roma Sapienza, Genova, Zurigo e...

Decreti Sementi-OGM, “sventato tentativo di aprire agli OGM”

Comunicato congiunto di Slow Food e di altre 25 associazioni “Esprimendo la nostra preoccupazione per una situazione governativa così difficile...

Nella relazione inviata dagli studiosi giapponesi alla IWC, al termine del terzo “Nuovo programma di ricerca sulle balene nell’Oceano Antartico”, si legge che durante la scorsa estate sono state abbattute 333 balenottere minori. Di queste, 122 erano gravide.
“Un massacro anacronistico, che deve finire”, commenta immediatamente il WWF. Per l’associazione ambientalista infatti, il fatto che nel 2018 ancora i giapponesi si arroghino il diritto di praticare la caccia alla balena è “un’infamia senza giustificazione. Balene, balenottere, megattere, sono tra gli animali più affascinanti del Pianeta, dalla intensa vita sociale e sviluppata comunicazione: massacrarli per un uso commestibile è un eccidio che dobbiamo contrastare con tutti i nostri mezzi”.

Ce n’è anche per la comunità internazionale che, secondo l’associazione – dovrebbe intervenire con durezza per smontare una volta per tutte le finte giustificazioni scientifiche di Giappone e Islanda. Proteggere le balene nell’Oceano Antartico è essenziale per mantenere le popolazioni di questi cetacei in buona salute in tutto il mondo”. E difatti, gli oceani nascondono rischi ovunque per balene e cetacei in genere: non solo la caccia a ‘scopi scientifici’ che continua a fare il Giappone, ma anche il bycatch, la cattura accidentale che uccide almeno 300.000 balene e delfini ogni anno, la collisione con le navi e l’inquinamento con l’ingestione di microplastiche attraverso una catena alimentare ormai contaminata.

“La ricerca scientifica, in questo contesto, dovrebbe concentrarsi soprattutto sull’analisi e la ricerca di soluzioni che salvino le balene da tutte queste minacce, e non portando a terra i loro cadaveri dopo atroci sofferenze”, concludono gli ambientalisti.

Le ultime

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.