Giappone, il programma di ricerca sulle balene annuncia di averne abbattute 333
G

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Nella relazione inviata dagli studiosi giapponesi alla IWC, al termine del terzo “Nuovo programma di ricerca sulle balene nell’Oceano Antartico”, si legge che durante la scorsa estate sono state abbattute 333 balenottere minori. Di queste, 122 erano gravide.
“Un massacro anacronistico, che deve finire”, commenta immediatamente il WWF. Per l’associazione ambientalista infatti, il fatto che nel 2018 ancora i giapponesi si arroghino il diritto di praticare la caccia alla balena è “un’infamia senza giustificazione. Balene, balenottere, megattere, sono tra gli animali più affascinanti del Pianeta, dalla intensa vita sociale e sviluppata comunicazione: massacrarli per un uso commestibile è un eccidio che dobbiamo contrastare con tutti i nostri mezzi”.

Ce n’è anche per la comunità internazionale che, secondo l’associazione – dovrebbe intervenire con durezza per smontare una volta per tutte le finte giustificazioni scientifiche di Giappone e Islanda. Proteggere le balene nell’Oceano Antartico è essenziale per mantenere le popolazioni di questi cetacei in buona salute in tutto il mondo”. E difatti, gli oceani nascondono rischi ovunque per balene e cetacei in genere: non solo la caccia a ‘scopi scientifici’ che continua a fare il Giappone, ma anche il bycatch, la cattura accidentale che uccide almeno 300.000 balene e delfini ogni anno, la collisione con le navi e l’inquinamento con l’ingestione di microplastiche attraverso una catena alimentare ormai contaminata.

“La ricerca scientifica, in questo contesto, dovrebbe concentrarsi soprattutto sull’analisi e la ricerca di soluzioni che salvino le balene da tutte queste minacce, e non portando a terra i loro cadaveri dopo atroci sofferenze”, concludono gli ambientalisti.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.