Dall’Albania al Bioparco, a Roma si festeggiano gli orsi Gianni e Sam
D

I più letti

Arance Rosse di Sicilia, annata straordinaria per qualità, ma il mercato è in crisi

La raccolta delle arance rosse di Sicilia IGP entra nell’ultima fase della campagna 2020/2021. Negli 80 ettari di agrumeti di...

Una “green belt” contro il consumo di suolo e la critica alla transizione ecologica globalista: la ricetta verde di Fratelli d’Italia

La visione ecologica di Fratelli d'Italia nell'intervista a Nicola Procaccini: dalla "cinta verde urbana" che regola il consumo di...

Ridotto il contributo ambientale per gli imballaggi in bioplastica

Su proposta di Biorepack, il Consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile, il Consiglio...

In occasione del recente arrivo di Gianni e Sam, due giovani fratelli di orso bruno salvati in Albania grazie ad un’operazione internazionale, il Bioparco dedica l’intero prossimo fine settimana ai due plantigradi per raccontarne la storia a lieto fine. Per loro è stata appena costruita “La Valle degli Orsi”, un’area dove hanno la possibilità di vivere in modo dignitoso dopo che furono strappati a condizioni di vita insostenibili, detenuti illegalmente in Albania.

L’operazione fu condotta dalle tre associazioni Salviamo gli Orsi della Luna, Four Paws e Salviamo gli Orsi Albanesi, insieme alla Fondazione Bioparco di Roma ed in collaborazione con i Ministeri del Turismo e dell’Ambiente albanesi. I due fratelli, Gianni e Sam, nati all’inizio del 2017, e Mary, una giovane femmina, versavano in condizioni purtroppo molto diffuse per gli orsi in quell’area: spesso vengono strappati alle madri quando sono ancora molto piccoli, allevati dall’uomo, tenuti al guinzaglio come cagnolini e sfruttati per foto ricordo a pagamento, oppure utilizzati per attirare clienti in ristoranti e locali. Gli animali vivono in piccole gabbie, in condizioni intollerabili, spesso senza cibo né acqua, privati di qualunque forma di benessere. Diventati adulti risultano dunque inutili, oltre che pericolosi. Non possono essere rilasciati in natura, ove soccomberebbero.

L’orso bruno è diffuso in tutto l’emisfero settentrionale e, a livello globale, non è considerato una specie a rischio di estinzione. Purtroppo ci sono delle eccezioni, come il caso di alcune sottospecie e popolazioni isolate minacciate a livello locale dalla persecuzione diretta da parte dell’uomo, dal bracconaggio, dal commercio illegale e dalla riduzione dell’habitat.

Le ultime

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.