Ecofuturo, da Padova al Parlamento Europeo per rimettere in equilibrio la Co2
E

I più letti

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la...

Da Padova a Bruxelles: in vista della V edizione di Ecofuturo che si svolgerà a partire dal 18 luglio nella città veneta, il “Festival delle EcoTecnologie e dell’Autocostruzione” si sposta nel cuore della Comunità Europea con un evento dedicato al riequilibrio dell’anidride carbonica, il principale gas dell’effetto serra che sta soffocando il pianeta. Padrone di casa dell’evento “Co2: come rimetterla in equilibrio tra cielo e terra l’eurodeputato” Dario Tamburrano del M5S, che domani ospiterà relatori e partecipanti.

Secondo un programma che prenderà avvio alle 15:00, i relatori illustreranno le tecnologie già oggi disponibili per dirottare verso gli usi industriali (bevande, agricoltura, produzione della plastica e così via) tutta l’anidride carbonica che viene immessa nell’atmosfera dai camini degli impianti di combustione e anche in seguito alla trasformazione del biogas in biometano. Altro piatto forte della giornata, le strategie dell’agricoltura bioenergetica, dei doppi raccolti, del precision farming, dell’agricoltura conservativa che consentono di stoccare in permanenza in ogni ettaro di terra coltivata fino ad una tonnellata di carbonio e di evitare l’emissione di 4 tonnellate di anidride carbonica per ettaro ogni anno. L’apertura dei lavori sarà affidata a Gunter Pauli, il fondatore della blue economy e la moderazione a Sergio Ferraris, giornalista scientifico e direttore responsabile di “#Qualenergia”. Dopo Pauli, si alterneranno al microfono, o in videoconferenza, i rappresentanti delle aziende che sviluppano queste ed altre soluzioni produttive in grado di diminuire l’enorme pressione oggi esercitata sugli ecosistemi dalle attività umane: ad esempio, le case ecosicure ed antisismiche con materiali naturali oppure il codice di autoregolamentazione dei produttori di canapa, una coltivazione adatta a molteplici usi che “da tanto al cielo, quanto alla terra” perché è in grado di stoccare permanentemente il carbonio nelle viscere del suolo. L’auto dual fuel (gasolio-biometano), proveniente da Alessandria, sarà protagonista del raid Torino-Pechino, a partire dal 15 giugno e sarà in mostra in Place du Luxembourg dalle ore 11,00 del 6 giugno fino all’inizio del convegno e a disposizione per guide di stampa e parlamentari. Con l’auto saranno disponibili bustine di stallatico 2.0 (lo stallatico che non puzza) proveniente da digestato da biogas dell’area di Vipiteno, con le quali si vogliono far fiorire meglio tutte le piante del Parlamento Europeo.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.