Giornata degli Oceani, porte aperte sul Golfo di Napoli all’Anton Dohrn
G

I più letti

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Paese che vai, cambiamento climatico che trovi: lo studio sulle aree più esposte

II caldo non uccide allo stesso modo in ogni angolo della terra, né in ogni quartiere della medesima città....

Riforma dello sport, obblighi e multe imposti all’escursionismo invernale: CAI e guide ambientali scrivono al Ministro

Per praticare le attività escursionistiche in ambienti innevati, anche mediante le racchette da neve, sarà obbligatorio munirsi di “sistemi...

In occasione della “Giornata Mondiale Oceani 2018”, la Stazione Zoologica Anton Dohrn, Istituto Nazionale di Biologia Ecologia e Biotecnologie Marine, apre le porte del Centro Di Ricerca Tartarughe Marine-Osservatorio del Golfo di Napoli di Portici per l’evento “La Ricerca e il Mare”, che si terrà venerdì 8 Giugno 2018, dalle ore 10,00 alle 18,00. Un momento di approfondimento e di divulgazione dedicato alla scoperta e alla tutela dell’ambiente marino, dove l’osservazione ecologica del Golfo di Napoli, il mare come risorsa per la cura e il benessere, la biodiversità marina, l’inquinamento da plastiche e microplastiche, il ruolo fondamentale dei microorganismi marini, il restauro ambientale marino e costiero, la protezione e la cura delle tartarughe marine saranno solo alcuni degli argomenti trattati. Per illustrare al meglio la costante attività di ricerca e offrire una maggiore comprensione delle problematiche esposte, saranno proiettati contributi video realizzati dagli esperti della Stazione Zoologica Anton Dohrn, a dimostrazione e testimonianza delle molteplici operazioni e missioni compiute dall’Ente. Il fitto programma della giornata prevede una fase di approfondimento con i seguenti focus: Il mare Nostrum ed il Golfo di Napoli, a cura di Vincenzo Saggiomo, Ricercatore Associato SZN; L’inquinamento da microplastiche, a cura di Christophe Brunet, Ricercatore SZN; Il restauro ambientale, a cura di Luigi Musco, Ricercatore SZN.

All’evento saranno presenti anche la Città della Scienza, il W.W.F., con la sua campagna per la difesa e la protezione del mare, la Capitaneria di Porto e le Guardie Ambientali d’Italia. Parteciperanno, infine, nell’ambito di un progetto di “Alternanza Scuola-Lavoro”, gli studenti del Liceo Statale Quinto Orazio Flacco e del Liceo Scientifico Statale Filippo Silvestri di Portici. Si ringrazia ufficialmente il Comune di Portici per il sostegno e l’impegno profusi nelle attività che coinvolgono il Centro di Ricerca delle Tartarughe Marine.

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.