Aree protette: “Muovono 27 mln di persone: il turismo sia ecocompatibile o non sia”

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

Dal nosecco al kressecco, alle imitazioni del Prosecco si aggiunge il danno dei dazi

Nell’anniversario dell’iscrizione de “Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco...

Consentire la fruizione delle bellezze naturalistiche delle Aree protette garantendo allo stesso tempo la sostenibilità ambientale. E’ questo il tema centrale dell’incontro nazionale promosso da Federparchi  oggi all’isola d’Elba  con rappresentanti delle Aree protette ed esperti del settore. Sono 27milioni l’anno le presenza turistiche nei Parchi, un comparto che genera 105mila posti di lavoro, per un valore di 5,5 Miliardi. Il tutto improntato alla necessità di trovare il giusto equilibrio fra tutela e conservazione e le esigenze di sviluppo delle comunità locali.

“I Parchi italiani sono un patrimonio collettivo di ambiente e biodiversità e rappresentano un modello di sviluppo sostenibile”, afferma Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi nonché del Parco dell’Arcipelago Toscano. “Basti pensare alle produzioni agricole di qualità  che si svolgono al loro interno e nelle aree limitrofe o alle attività turistiche, tema del nostro incontro.

Il turismo del futuro – prosegue Sammuri – o è ecocompatibile o semplicemente non è. Su questo fronte le Aree Protette svolgono un ruolo di battistrada con esperienze di grande rilievo. Il caso del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano è un esempio di programmazione che ha portato un incremento sia delle aree fruibili che delle presenze, nel pieno rispetto dell’equilibro ambientale e della tutela dei luoghi. Un punto chiave di questa esperienza è quello della formazione e della gestione diretta delle guide turistiche a cui, nel 2017, lo stesso Parco ha garantito 1400 giornate lavorative. Una delle tante buone pratiche che dimostrano che Parchi ed Aree Protette sono il punto avanzato di tutela  dell’ambiente e della biodiversità e un eccellenza del nostro paese. Un bene comune che richiede la cura e l’attenzione di tutti i cittadini e di tutte le istituzioni”

Un importante filo conduttore dell’incontro è stata anche la CETS, la Carta Europea per lo Sviluppo Sostenibile, una certificazione di qualità assegnata da Europarc (la rete europea delle Aree protette), adottata da numerosi Parchi e fortemente voluta dal Ministero dell’Ambiente.

L’evento dell’Isola d’Elba è il quinto incontro nazionale tematico promosso da Federparchi in vista del Congresso che si svolgerà a Roma nel mese di ottobre.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Dal nosecco al kressecco, alle imitazioni del Prosecco si aggiunge il danno dei dazi

Nell’anniversario dell’iscrizione de “Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco...

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio pubblicato sulla rivista Food Chemistry

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.