Aree protette: “Muovono 27 mln di persone: il turismo sia ecocompatibile o non sia”
A

I più letti

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

Consentire la fruizione delle bellezze naturalistiche delle Aree protette garantendo allo stesso tempo la sostenibilità ambientale. E’ questo il tema centrale dell’incontro nazionale promosso da Federparchi  oggi all’isola d’Elba  con rappresentanti delle Aree protette ed esperti del settore. Sono 27milioni l’anno le presenza turistiche nei Parchi, un comparto che genera 105mila posti di lavoro, per un valore di 5,5 Miliardi. Il tutto improntato alla necessità di trovare il giusto equilibrio fra tutela e conservazione e le esigenze di sviluppo delle comunità locali.

“I Parchi italiani sono un patrimonio collettivo di ambiente e biodiversità e rappresentano un modello di sviluppo sostenibile”, afferma Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi nonché del Parco dell’Arcipelago Toscano. “Basti pensare alle produzioni agricole di qualità  che si svolgono al loro interno e nelle aree limitrofe o alle attività turistiche, tema del nostro incontro.

Il turismo del futuro – prosegue Sammuri – o è ecocompatibile o semplicemente non è. Su questo fronte le Aree Protette svolgono un ruolo di battistrada con esperienze di grande rilievo. Il caso del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano è un esempio di programmazione che ha portato un incremento sia delle aree fruibili che delle presenze, nel pieno rispetto dell’equilibro ambientale e della tutela dei luoghi. Un punto chiave di questa esperienza è quello della formazione e della gestione diretta delle guide turistiche a cui, nel 2017, lo stesso Parco ha garantito 1400 giornate lavorative. Una delle tante buone pratiche che dimostrano che Parchi ed Aree Protette sono il punto avanzato di tutela  dell’ambiente e della biodiversità e un eccellenza del nostro paese. Un bene comune che richiede la cura e l’attenzione di tutti i cittadini e di tutte le istituzioni”

Un importante filo conduttore dell’incontro è stata anche la CETS, la Carta Europea per lo Sviluppo Sostenibile, una certificazione di qualità assegnata da Europarc (la rete europea delle Aree protette), adottata da numerosi Parchi e fortemente voluta dal Ministero dell’Ambiente.

L’evento dell’Isola d’Elba è il quinto incontro nazionale tematico promosso da Federparchi in vista del Congresso che si svolgerà a Roma nel mese di ottobre.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.