Aree protette: “Muovono 27 mln di persone: il turismo sia ecocompatibile o non sia”
A

La striscia disallineata

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

Consentire la fruizione delle bellezze naturalistiche delle Aree protette garantendo allo stesso tempo la sostenibilità ambientale. E’ questo il tema centrale dell’incontro nazionale promosso da Federparchi  oggi all’isola d’Elba  con rappresentanti delle Aree protette ed esperti del settore. Sono 27milioni l’anno le presenza turistiche nei Parchi, un comparto che genera 105mila posti di lavoro, per un valore di 5,5 Miliardi. Il tutto improntato alla necessità di trovare il giusto equilibrio fra tutela e conservazione e le esigenze di sviluppo delle comunità locali.

“I Parchi italiani sono un patrimonio collettivo di ambiente e biodiversità e rappresentano un modello di sviluppo sostenibile”, afferma Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi nonché del Parco dell’Arcipelago Toscano. “Basti pensare alle produzioni agricole di qualità  che si svolgono al loro interno e nelle aree limitrofe o alle attività turistiche, tema del nostro incontro.

Il turismo del futuro – prosegue Sammuri – o è ecocompatibile o semplicemente non è. Su questo fronte le Aree Protette svolgono un ruolo di battistrada con esperienze di grande rilievo. Il caso del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano è un esempio di programmazione che ha portato un incremento sia delle aree fruibili che delle presenze, nel pieno rispetto dell’equilibro ambientale e della tutela dei luoghi. Un punto chiave di questa esperienza è quello della formazione e della gestione diretta delle guide turistiche a cui, nel 2017, lo stesso Parco ha garantito 1400 giornate lavorative. Una delle tante buone pratiche che dimostrano che Parchi ed Aree Protette sono il punto avanzato di tutela  dell’ambiente e della biodiversità e un eccellenza del nostro paese. Un bene comune che richiede la cura e l’attenzione di tutti i cittadini e di tutte le istituzioni”

Un importante filo conduttore dell’incontro è stata anche la CETS, la Carta Europea per lo Sviluppo Sostenibile, una certificazione di qualità assegnata da Europarc (la rete europea delle Aree protette), adottata da numerosi Parchi e fortemente voluta dal Ministero dell’Ambiente.

L’evento dell’Isola d’Elba è il quinto incontro nazionale tematico promosso da Federparchi in vista del Congresso che si svolgerà a Roma nel mese di ottobre.

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.