Dopo l’eccezionale deposizione dell’estate 2017 a Marina di Campo i volontari di Legambiente si riorganizzano

Elba, nidificano le tartarughe: cercasi volontari per presidiare 8 spiagge

I più letti

Tra qualche giorno inizia il periodo di nidificazione delle tartarughe marine che si protrarrà fino alla fine del mese di agosto. Dopo il successo dell’anno scorso con la nidificazione di una tartaruga Caretta Caretta tra le sdraio e gli ombrelloni dell’affollatissima spiaggia di Marina di Campo, che ha portato all’eccezionale schiusa di ben 103 uova ovvero il record del 2017 per il Mediterraneo, Legambiente, i volontari e i bagnini del bagno da Sergio che hanno reso possibile l’evento con un costante controllo del nido, sperano che l’Elba venga di nuovo baciata dalla fortuna e che lo straordinario evento si ripeta.

Intanto, mentre Legambiente Arcipelago Toscano distribuisce ai titolari di stabilimenti balneari e punti blu e ai pescatori il materiale informativo preparato dall’Osservatorio toscano per la biodiversità della Regione Toscana, l’associazione cerca volontari per il monitoraggio delle 8 più grandi spiagge sabbiose dell’Elba – Marina di Campo, Cavoli, Fetovaia, Procchio, Biodola, Lido, Naregno, Lacona –  dove è più probabile che una mamma tartaruga decida di scavare un nido e depositare le sue preziose uova.

Come spiega Isa Tonso, responsabile del gruppo Tartarughe Marine di Legambiente Arcipelago Toscano, “Si tratta di fare una passeggiata la mattina presto, prima che i bagnini rastrellino la sabbia, in  cerca delle caratteristiche tracce che le tartarughe lasciano quando risalgono le spiagge per deporre le uova». Un’attività semplice, gradevole e salutare ma che potrebbe aiutare molto le mamme tartarughe e consentire ai loro piccoli di emergere sani e salvi dalla sabbia e ripopolare il mare, confermando anche che l’eccezionale nidificazione dell’estate 2017 non è un episodio ma l’inizio di una colonizzazione di questi antichissimi e pacifici rettili marini che vengono dal passato per ricordarci quale potrebbe essere il futuro del Mar Tirreno.

Le ultime

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Al via dal 1° agosto il primo master italiano in “Medicina Ambientale”

Grazie alla partnership tra la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e l'Università degli Studi Niccolò Cusano partirà...

Catturato il lupo di Alimini, ora le analisi genetiche: verrà trasferito nel Centro di Monte Adone

Operazione in notturna condotta dai tecnici Parco Majella in continuo contatto con ISPRA, alta probabilità che avesse il collareCatturato il lupo che da diverse...

Nate due leoncine asiatiche in pericolo di estinzione al Bioparco di Roma

Alla presenza della Sindaca di Roma, Virginia Raggi, e del Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, sono stati presentati...

Orsa Gaia, Costa ricorre al TAR: “Abbattimento misura sproporzionata”

"La convivenza tra predatori e uomini è possibile", è convinto il Ministro."Abbiamo formalizzato ieri sera la richiesta all’Avvocatura Distrettuale dello Stato di proporre...

Forse ti può interessare anche