Dopo l’eccezionale deposizione dell’estate 2017 a Marina di Campo i volontari di Legambiente si riorganizzano

Elba, nidificano le tartarughe: cercasi volontari per presidiare 8 spiagge

I più letti

Sott’acqua al tempo del Coronavirus: idrofoni in 30 siti per ascoltare il mare

Dopo 100 ore di immersioni e oltre 300 di registrazioni sonore per documentare lo stato dei mari durante il...

Pensioni, Loy rassicura: “Inps in rosso di 35,7 mld ma non ci sono problemi”

(Adnkronos) In un’intervista al Gr1 Guglielmo Loy, presidente del collegio dei sindaci dell’Inps, dice che i dati dell’Inps, un...

La Sicilia sblocca le nomine, quattro parchi naturali hanno di nuovo i propri presidenti

Nominati i presidenti dei parchi Etna, Nebrodi, Madonie e Alcantara La giunta regionale...

Tra qualche giorno inizia il periodo di nidificazione delle tartarughe marine che si protrarrà fino alla fine del mese di agosto. Dopo il successo dell’anno scorso con la nidificazione di una tartaruga Caretta Caretta tra le sdraio e gli ombrelloni dell’affollatissima spiaggia di Marina di Campo, che ha portato all’eccezionale schiusa di ben 103 uova ovvero il record del 2017 per il Mediterraneo, Legambiente, i volontari e i bagnini del bagno da Sergio che hanno reso possibile l’evento con un costante controllo del nido, sperano che l’Elba venga di nuovo baciata dalla fortuna e che lo straordinario evento si ripeta.

Intanto, mentre Legambiente Arcipelago Toscano distribuisce ai titolari di stabilimenti balneari e punti blu e ai pescatori il materiale informativo preparato dall’Osservatorio toscano per la biodiversità della Regione Toscana, l’associazione cerca volontari per il monitoraggio delle 8 più grandi spiagge sabbiose dell’Elba – Marina di Campo, Cavoli, Fetovaia, Procchio, Biodola, Lido, Naregno, Lacona –  dove è più probabile che una mamma tartaruga decida di scavare un nido e depositare le sue preziose uova.

Come spiega Isa Tonso, responsabile del gruppo Tartarughe Marine di Legambiente Arcipelago Toscano, “Si tratta di fare una passeggiata la mattina presto, prima che i bagnini rastrellino la sabbia, in  cerca delle caratteristiche tracce che le tartarughe lasciano quando risalgono le spiagge per deporre le uova». Un’attività semplice, gradevole e salutare ma che potrebbe aiutare molto le mamme tartarughe e consentire ai loro piccoli di emergere sani e salvi dalla sabbia e ripopolare il mare, confermando anche che l’eccezionale nidificazione dell’estate 2017 non è un episodio ma l’inizio di una colonizzazione di questi antichissimi e pacifici rettili marini che vengono dal passato per ricordarci quale potrebbe essere il futuro del Mar Tirreno.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

Sott’acqua al tempo del Coronavirus: idrofoni in 30 siti per ascoltare il mare

Dopo 100 ore di immersioni e oltre 300 di registrazioni sonore per documentare lo stato dei mari durante il lockdown si tirano le somme...

San Vito Lo Capo, portata in superficie ancora ellenistico-romana con rilievo di delfino

L'operazione è stata svolta dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Guardia di Finanza e BCsicilia a 20 metri di profonditàTrapani - Nei...

Lago di Garda, uova di cigno distrutte a sassate: “Visionare le telecamere di zona”

Enpa denuncia, chiede che vengano visionate le telecamere e scrive al SindacoRoma – Ha distrutto a sassate le uova di cigno deposte sulla riva...

Squalo Mako ucciso nel Golfo di Catania, Oipa valuta di procedere in sede giudiziaria

Il presidente dell’Oipa Comparotto: «Urgente ripensare le politiche della pesca» L’Oipa Italia sta valutando di procedere in sede...

Riapertura tra Regioni, sui Sibillini pronti i nuovi rifugi escursionistici provvisori

Gli interventi di ripristino dei rifugi escursionistici provvisori del Grande Anello assumono una rilevanza fondamentale per il rilancio del territorio dei Sibillini

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.