Elba, nidificano le tartarughe: cercasi volontari per presidiare 8 spiagge
E

Dopo l’eccezionale deposizione dell’estate 2017 a Marina di Campo i volontari di Legambiente si riorganizzano

I più letti

Israele, svasamento da petroliera inquina 170 km di litorale: “Mediterraneo sotto pressione, stop ai combustibili”

La recente fuoriuscita di petrolio in Israele causata dal passaggio di una petroliera sembra aver inquinato 170 km di...

Visoni e Covid, “Stop agli allevamenti: sono serbatoi di virus e possono portare a mutazioni pericolose”

"Mi sono più volte occupata dei focolai di COVID 19 scoppiati in diversi allevamenti di visoni negli Stati membri –...

Covid Lombardia, sos medici: “Aghi per vaccino sbagliati”

(Adnkronos) Aghi sbagliati per la somministrazione del vaccino Pfizer contro Covid-19, soluzione fisiologica avvolta in pellicola trasparente senza confezionamento...

Tra qualche giorno inizia il periodo di nidificazione delle tartarughe marine che si protrarrà fino alla fine del mese di agosto. Dopo il successo dell’anno scorso con la nidificazione di una tartaruga Caretta Caretta tra le sdraio e gli ombrelloni dell’affollatissima spiaggia di Marina di Campo, che ha portato all’eccezionale schiusa di ben 103 uova ovvero il record del 2017 per il Mediterraneo, Legambiente, i volontari e i bagnini del bagno da Sergio che hanno reso possibile l’evento con un costante controllo del nido, sperano che l’Elba venga di nuovo baciata dalla fortuna e che lo straordinario evento si ripeta.

Intanto, mentre Legambiente Arcipelago Toscano distribuisce ai titolari di stabilimenti balneari e punti blu e ai pescatori il materiale informativo preparato dall’Osservatorio toscano per la biodiversità della Regione Toscana, l’associazione cerca volontari per il monitoraggio delle 8 più grandi spiagge sabbiose dell’Elba – Marina di Campo, Cavoli, Fetovaia, Procchio, Biodola, Lido, Naregno, Lacona –  dove è più probabile che una mamma tartaruga decida di scavare un nido e depositare le sue preziose uova.

Come spiega Isa Tonso, responsabile del gruppo Tartarughe Marine di Legambiente Arcipelago Toscano, “Si tratta di fare una passeggiata la mattina presto, prima che i bagnini rastrellino la sabbia, in  cerca delle caratteristiche tracce che le tartarughe lasciano quando risalgono le spiagge per deporre le uova». Un’attività semplice, gradevole e salutare ma che potrebbe aiutare molto le mamme tartarughe e consentire ai loro piccoli di emergere sani e salvi dalla sabbia e ripopolare il mare, confermando anche che l’eccezionale nidificazione dell’estate 2017 non è un episodio ma l’inizio di una colonizzazione di questi antichissimi e pacifici rettili marini che vengono dal passato per ricordarci quale potrebbe essere il futuro del Mar Tirreno.

Le ultime

“Ci salvi chi può”: anche squali, pinguini, coralli e pesci dicono no al riscaldamento globale

RISCALDAMENTO GLOBALE? CI SALVI CHI PUÒ! Squali, pinguini e coralli per dire stop ai cambiamenti climatici. All'interno dell’acquario più...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.