Avvenuta la fusione Bayer-Monsanto: una farmaceutica ora ha il monopolio delle sementi
A

“Se controllare l’accesso al cibo significa controllare il destino dell’umanità, da oggi il soggetto più potente al mondo non è un governo o una coalizione di stati, ma una multinazionale, la Bayer”, commenta Slow Food.

La striscia disallineata

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

Dopo il via libera dell’Antitrust Usa, oggi è avvenuta l’acquisizione di Monsanto da parte della tedesca Bayer. La partita si è chiusa al prezzo di 63 miliardi di dollari, incluso il debito dell’acquisita e il marchio Monsanto sarà cancellato. Tanto per non ricordare ai consumatori un’immagine scomoda, ormai macchiata dell’accusa di contribuire a inquinamento e problemi per la salute. E per finanziare l’acquisizione del gruppo americano di Ogm e pesticidi i tedeschi vareranno un aumento di capitale da 6 miliardi di euro.

“Fino a ieri Bayer – si legge in una nota immediata di Slow Food – l’azienda era un colosso chimico farmaceutico tedesco. Da oggi è anche il più grande gruppo mondiale nel campo delle sementi, dei fertilizzanti chimici, degli erbicidi e dei pesticidi. Quest’operazione, costata 66 miliardi di dollari, è la puntata più recente di un processo di concentrazione che ha già visto la fusione tra DuPont e Dow Chemical e l’acquisizione di Syngenta da parte di ChemChina. Ora 3 multinazionali gestiscono più del 60% del mercato delle sementi e il 75% di quello di pesticidi e fertilizzanti. Inoltre, sparisce dal mercato un marchio scomodo, Monsanto, che nell’immaginario collettivo significa Ogm e pesticidi (glifosato) e da molti anni è nel mirino di associazioni ambientaliste e della società civile”.

“È un fatto preoccupante, ma non dobbiamo scoraggiarci – affonda Carlo Petrini, presidente di Slow Food – Assieme a molte altre organizzazioni, faremo di tutto per informare e coinvolgere un numero sempre maggiore di persone e per invertire questo processo di privatizzazione delle sementi. I semi sono vivi, sono un bene comune, che deve essere accessibile a tutti, com’è stato per 10.000 anni di storia dell’agricoltura. Ricordiamoci che i cittadini, con le loro scelte quotidiane, hanno un potere straordinario. Le comunità di Terra Madre continueranno a custodire e selezionare i propri semi, a scambiarli, a coltivarli con cura senza avvelenarli con i pesticidi. A noi tutti il dovere di sostenere il loro lavoro, scegliendo sugli scaffali cibo locale, di stagione, buono, pulito e giusto”.

Slow Food ha dedicato un’area ai semi a Terra Madre Salone del Gusto, a Torino. In particolare, un appuntamento sarà dedicato gli organismi geneticamente modificati.

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.