Mondiali di calcio in Russia: “Le autorità proibiscono lo sterminio di randagi”
M

I più letti

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il...

L’81% degli habitat è in peggioramento, preoccupazione per terreni erbosi, torbiere e dune: il rapporto dell’Agenzia Ambientale Europea

Agricoltura e selvicoltura non sostenibili, espansione urbana incontrollata e inquinamento sono i principali fattori a cui va imputato il...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...

Notizie di randagi massacrati o fatti sparire dalle strade delle città dove a breve giocheranno gli incontri della Coppa del Mondo di calcio; una pratica terribile e disumana, purtroppo già sperimentata in occasione del campionato europeo di calcio. Era il 2012 e la comunità animalista internazionale si stringeva intorno ai randagi di Kiev. La stessa mobilitazione è avvenuta oggi in previsione dei Mondiali che si svolgeranno quest’estate e ha visto come capofila, in Italia, proprio l’Ente Nazionale Protezione Animali che nelle passate settimane aveva scritto all’ambasciatore della Russia in Italia e lanciato un appello a mezzo stampa alla Fifa per chiedere di fare chiarezza sul punto. Mentre l’ambasciatore aveva risposto ufficialmente ad Enpa, la Fifa no.

“Un grazie a Franco Frattini, presidente della Sioi per aver discusso con il ministro degli Esteri della Russia Sergej Lavrov la questione delle uccisioni di randagi nelle città della Coppa del Mondo di calcio”, si legge in una nota della presidente di Enpa Carla Rocchi. “Come reso noto con un tweet dallo stesso Frattini, Lavrov ha detto che “le autorità russe proibiscono lo sterminio di cani e gatti randagi in preparazione dei Mondiali di calcio”.

«Sono grata a Franco Frattini, di cui è a tutti nota la straordinaria sensibilità, per essere nuovamente intervenuto, con grande autorevolezza, in difesa degli animali. Spero con tutto il cuore – dichiara Rocchi – che la presa di posizione del ministro Lavrov possa mettere un punto alle notizie inquietanti che arrivano dalla Russia. I primi a doversi dissociare da queste situazioni inaccettabili sono proprio gli organizzatori di grandi e piccoli eventi internazionali. Solo così – spiega Rocchi – si possono fare pressioni sui governi per abbandonare pratiche crudeli ed incivili”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.