Val d’Agri, dopo l’impatto con l’auto torna a volare l’aquila dei serpenti
V

I più letti

Vannia Gava di nuovo sottosegretario all’ambiente, stavolta accanto a Cingolani: ecco le sue priorità

Vannia Gava ricomincia da dove aveva lasciato nell’estate del 2019 e torna alla sua scrivania di Sottosegretario al Ministero...

Una “green belt” contro il consumo di suolo e la critica alla transizione ecologica globalista: la ricetta verde di Fratelli d’Italia

La visione ecologica di Fratelli d'Italia nell'intervista a Nicola Procaccini: dalla "cinta verde urbana" che regola il consumo di...

Clima, continua il supporto della finanza globale al carbone: «In Italia Generali e Intesa seguano l’esempio di Unicredit»

A cinque anni dall’Accordo di Parigi sul clima, il supporto della finanza globale al settore del carbone non è...

Dalle terrazze della sede del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano ha ripreso il volo un maestoso esemplare di aquila dei serpenti (Circaetus gallicus), chiamata così per l’abitudine di nutrirsi prevalentemente di serpenti che arrivano a costituire il 90% delle sue prede. La liberazione è stata effettuata da Francesco Romano del CRAS della Provincia di Potenza che si trova presso l’Oasi WWF di Pignola. L’animale è stato liberato dopo 15 giorni di degenza presso le strutture del CRAS dove era arrivato, grazie ai carabinieri forestali del Coordinamento Territoriale dei Carabinieri per l’Ambiente del Parco, in seguito all’impatto con un veicolo.
Fortunatamente le condizioni dell’animale al suo arrivo erano abbastanza buone ed il trauma da impatto si è riassorbito in poco tempo così da consentirne il ritorno in natura dopo una breve degenza. La liberazione è avvenuta alla presenza del Presidente del Parco Vittorio Triunfo, del Direttore Vincenzo Fogliano e dei Carabinieri Forestali della Stazione di Marsico Nuovo.

L’aquila dei serpenti curata in Val d’Agri, prima di essere liberata
L’aquila dei serpenti curata in Val d’Agri, prima di essere liberata

Il biancone è un animale dalle dimensioni imponenti, che raggiunge i due chili di peso e un metro e ottanta centimetri di apertura alare. È un uccello rapace poco conosciuto perché ha la capacità di passare inosservato e di condurre un’esistenza discreta nelle zone boscose meno frequentate dall’uomo. Nel nostro Parco la sua presenza è segnalata soprattutto sulla Murgia di San Lorenzo e sul Monte Sirino, ma altre segnalazione si hanno anche sul Monte Volturino e sull’Abetina di Laurenzana.

Le ultime

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.