La prima volta di un Ministro dell’Ambiente alla Commissione CITES
L

I più letti

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Per la prima volta dall’istituzione in Italia della commissione scientifica per l’attuazione della CITES (Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali selvatiche minacciate di estinzione), un Ministro dell’Ambiente è intervenuto per presiedere i lavori dell’assemblea. Il Ministro ha voluto portare un messaggio di saluto ai commissari che in questi anni “hanno operato con intensità nella Commissione scientifica per l’attuazione della Cites”, invitandoli a “proseguire con dedizione il loro prezioso lavoro a tutela della biodiversità e a intensificare il contrasto al traffico delle specie protette”. I commissari italiani sono volontari, nominati con decreto ministeriale su indicazione di Enti di carattere scientifico e “oltre alla verifica del commercio internazionale di specie protette in Italia, si occupano di animali pericolosi ed altri aspetti di legislazione internazionale”, dichiara Spartaco Gippoliti, presente ieri e membro della commissione scientifica in rappresentanza di ANMS (Associazione Nazionale dei Musei Scientifici). “Il Ministro ha auspicato da parte della commissione l’invio di alcune proposte per rendere ancora più efficace il lavoro e le ricadute della convenzione in Italia e all’estero. Recepiremo le sue indicazioni incrementando le ricerche sugli animali oggetto di commercio, perché le misure di protezione diventino sempre più specifiche ed efficaci”.

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.