Incendio a San Vitaliano, visita di Costa: “Decreto Terra dei Fuochi spero stasera in CdM”
I

I più letti

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...

In libreria un manuale per supereroi salvambiente

E' uscito nelle libere all'inizio di settembre “IO CI TENGO! Manuale per supereroi salvambiente”. La pubblicazione, che...

“La situazione all’impianto di San Vitaliano in provincia di Napoli è finalmente sotto controllo come ho potuto verificare di persona e di questo ringrazio Vigili del fuoco, Carabinieri, Arpac e Asl per il lavoro svolto”, sono le parole del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa nel suo post su Facebook a margine della visita all’impianto di stoccaggio e riciclo delle ecoballe che è andata a fuoco nel pomeriggio di ieri. “Ho chiesto e ottenuto dall’Asl – prosegue Costa – a salvaguardia dei cittadini, il monitoraggio dei prodotti ortofrutticoli nelle campagne qui intorno. È chiaro che 300 roghi in due anni non sono un caso. Per questo ho chiesto al Ministro dell’interno di poter considerare i siti di stoccaggio dei rifiuti al pari degli altri siti sensibili del Paese, e di inserirli nei Piani Coordinati di Controllo del territorio in mano al Prefetto e gestiti dalle forze di polizia. Ho visto foto e video che i cittadini mi hanno mandato e non nascondo che quello che ho visto mi colpisce ogni volta nel cuore. Farò tutto il possibile affinché questi scenari non accadano più!”.

Un impegno che il Ministro aveva assunto in tempi non sospetti 3 giorni fa, quando alla trasmissione «Fuori Tg» di Rai Tre aveva annunciato che sarebbe servito “solo il tempo di risolvere «alcuni tecnicismi giuridici» perché possa avere luce verde il decreto sulla Terra dei fuochi, che prevede il passaggio delle competenze in materia dal ministero delle Politiche agricole a quello dell’Ambiente”. Infatti Repubblica questo pomeriggio riporta le sue parole durante la visita: “Faccio gli scongiuri perchè il decreto arrivi stasera in Consiglio dei ministri. Le forze politiche del governo – riporta Repubblica- sono disponibili a questo passaggio di competenze dal ministero delle Politiche agricole e forestali e dal ministero dell’Ambiente. Non c’è indisponibilità e la Lega non ha posto problemi. Il passaggio di competenze tra ministeri “prevede che tutto ciò che si fa per Terra dei fuochi passi sotto la mia competenza – aggiunge il ministro – così, si accelera il lavoro di mesi o semestri. Certo, è cosa diversa dal dire che il problema è risolto ma si potrà iniziare a parlare solo di messa in sicurezza e di bonifiche e non più di un problema di tipo agricolo. Nessuno ha la bacchetta magica – avverte Costa – ma le risorse per le bonifiche si possono rintracciare”, conclude Costa.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.