Video time-lapse notturno sulle emissioni dell’Ilva di Taranto: appello ai Ministri
V

I più letti

2022, è Procida la Capitale italiana della cultura: l’Isola “è luogo di conoscenza”

Procida è la Capitale italiana della cultura per l’anno 2022. Dopo le audizioni delle dieci città finaliste, la giuria...

WIMA2021, la montagna come hub di innovazione: proclamati i vincitori della seconda edizione

Una scarpa riciclabile, che si trasforma in scarpone da sci, una startup che aiuta a ridurre la propria impronta...

Covid, l’emergenza costa alle stalle italiane 1,7 miliardi: Coldiretti scrive a Conte

L’emergenza Covid è costata sino ad oggi alle stalle italiane 1,7 miliardi di euro tra il blocco delle vendite,...

A pubblicare un video su youtube che dimostra in HD quello che esce dalle canne fumarie dell’Ilva di Taranto nelle notti tra il 27 e il 30 giugno 2018 è Fabio Matacchiera, presidente del Fondo Antidiossina onlus. “Un time-lapse – commenta Matacchiera – costituito da 2.554 scatti fotografici di una definizione che consente di ottenere delle riprese con un dettaglio ed una luminosità sorprendenti e mai viste prima, di gran lunga superiori a quelle effettuate in precedenza. Una tecnica particolarmente utile per differenziare a distanza le nubi di vapore da quelle costituite da fumi e da polveri persistenti che possono viaggiare in atmosfera anche per molti chilometri con carichi inquinanti pericolosi per la salute umana”.

Un aiuto che viene dalla tecnologia e che Matacchiera utilizza per lanciare un appello ai Ministri del nuovo Governo: “Questo video è stato realizzato per dare maggiore vigore alle richieste di tutti gli ambientalisti e dei cittadini di Taranto che chiedono di fermare quella fabbrica e che non ne possono più di vivere in questo modo. I nostri ministri vedano questo video e si rendano conto che sotto quei fumi ci sono tantissime famiglie e tantissimi bambini che sono destinati ad ammalarsi”, commenta il presidente del Fondo Antidiossina onlus, che prosegue: “A tutto questo reiterato e vergognoso “modus operandi” di fare acciaio che va a danneggiare l’ambiente e la salute dei cittadini jonici, come si può ben vedere dal video allegato, si aggiunge la beffa della immunità penale che è stata data ai commissari straordinari dell’Ilva di Taranto e, successivamente, anche ed espressamente ai nuovi acquirenti con il decreto legge 98/2016. Una immunità penale per violazioni (sull’attuazione del piano ambientale) delle norme ambientali e della salute che viola i principi fondamentali della nostra costituzione”.

Le ultime

Clima, gli USA mandano John Kerry a colloquio con l’UE

A seguito dell'insediamento del Presidente Biden, l'UE sta già collaborando con la nuova amministrazione statunitense per affrontare la crisi...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.