Video time-lapse notturno sulle emissioni dell’Ilva di Taranto: appello ai Ministri

I più letti

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il...

Etichetta volontaria per le carni, presentata proposta di legge Muroni

Un sistema volontario di etichettatura in zootecnia per i prodotti di origine animale attraverso "una chiara...

A pubblicare un video su youtube che dimostra in HD quello che esce dalle canne fumarie dell’Ilva di Taranto nelle notti tra il 27 e il 30 giugno 2018 è Fabio Matacchiera, presidente del Fondo Antidiossina onlus. “Un time-lapse – commenta Matacchiera – costituito da 2.554 scatti fotografici di una definizione che consente di ottenere delle riprese con un dettaglio ed una luminosità sorprendenti e mai viste prima, di gran lunga superiori a quelle effettuate in precedenza. Una tecnica particolarmente utile per differenziare a distanza le nubi di vapore da quelle costituite da fumi e da polveri persistenti che possono viaggiare in atmosfera anche per molti chilometri con carichi inquinanti pericolosi per la salute umana”.

Un aiuto che viene dalla tecnologia e che Matacchiera utilizza per lanciare un appello ai Ministri del nuovo Governo: “Questo video è stato realizzato per dare maggiore vigore alle richieste di tutti gli ambientalisti e dei cittadini di Taranto che chiedono di fermare quella fabbrica e che non ne possono più di vivere in questo modo. I nostri ministri vedano questo video e si rendano conto che sotto quei fumi ci sono tantissime famiglie e tantissimi bambini che sono destinati ad ammalarsi”, commenta il presidente del Fondo Antidiossina onlus, che prosegue: “A tutto questo reiterato e vergognoso “modus operandi” di fare acciaio che va a danneggiare l’ambiente e la salute dei cittadini jonici, come si può ben vedere dal video allegato, si aggiunge la beffa della immunità penale che è stata data ai commissari straordinari dell’Ilva di Taranto e, successivamente, anche ed espressamente ai nuovi acquirenti con il decreto legge 98/2016. Una immunità penale per violazioni (sull’attuazione del piano ambientale) delle norme ambientali e della salute che viola i principi fondamentali della nostra costituzione”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Ministero dell’Ambiente, arriva la flotta antinquinamento da idrocarburi e plastica galleggiante

Pubblicato il bando sulla Gazzetta europea. Costa: “Ulteriore passo nella battaglia globale” E’ stato pubblicato in Gazzetta europea...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.