Due forti terremoti agli inizi del ‘900: Ustica si solleva di 30 cm
D

I più letti

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

La parte ovest dell’isola di Ustica (Palermo) si sarebbe sollevata di oltre 30 cm a causa di due terremoti avvenuti nel primo quarto del 1900. È quanto emerge dal rilevamento a nuoto per lo studio dei meccanismi di erosione e delle variazioni del livello del mare lungo i 13 km del perimetro dell’isola, condotto nell’ambito del progetto scientifico internazionale Geoswim dell’ENEA e dell’Università di Trieste, che prevede la mappatura complessiva di 23 mila chilometri di costa rocciosa del Mediterraneo. I risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale “Geomorphology.

Il dato sul sollevamento della parte occidentale dell’isola deriva da un calcolo che parte dal ritrovamento a circa 2 metri sopra il livello del mare di alcuni fossili di crostacei che vivono abitualmente a contatto con l’acqua. Rinvenuti in una grotta sul lato ovest di Ustica, questi crostacei detti “dente di cane” erano ricoperti di concrezioni simili a stalattiti che si formano per gocciolamento. Dai campionamenti e dalle analisi al carbonio 14, i crostacei e il carbonato della concrezione che li ricopriva sono risultati risalire rispettivamente a 110 e 90 anni fa.
A conferma di movimenti tettonici verticali generalizzati anche in altre parti dell’isola, in una grotta situata nella parte centrale è stata rinvenuta e campionata una stalattite a circa un metro sotto l’attuale livello del mare. La stalattite, formatasi in superficie circa 6 mila anni fa, era completamente ricoperta da serpulidi, organismi marini che vivono all’interno di gusci calcarei sui fondali.

“Abbiamo potuto studiare tutte le 13 grotte che conservano e nascondono i dati più interessanti per capire la storia dell’isola, calcolare le variazioni della costa e del livello del mare, analizzare i meccanismi di erosione e di formazione dei solchi marini, anche georeferenziandoli, cioè abbinandoli alla precisa posizione geografica e di profondità”, sottolinea Fabrizio Antonioli, geomorfologo del Laboratorio di Modellistica Climatica dell’ENEA.
“L’innovatività dei nostri studi è rappresentata sia dal metodo adottato dello snorkeling, sia perché si tratta della prima indagine completa su un’isola vulcanica”, aggiunge Stefano Furlani, geomorfologo dell’Università di Trieste. “Questo ci ha permesso di registrare un ulteriore primato in quanto per la prima volta nel Mediterraneo sono stati scoperti alcuni solchi marini, tipici della zona di marea, su alcune rocce vulcaniche nel settore meridionale dell’isola, che dimostrano che l’area in esame è stabile almeno dai 2 ai 300 anni, il tempo necessario alla loro formazione”.

“La prima sequenza sismica che colpì Ustica nella primavera del 1906 si protrasse per venti giorni e fu accompagnata da boati, rombi e scariche elettromagnetiche, con conseguenze drammatiche per la comunità. Anche se le scosse non superarono il 6° grado della scala Mercalli, provocarono comunque crolli e lesioni in abitazioni private ed edifici pubblici, che indussero la popolazione usticese, dopo un acceso confronto fra autorità̀ e scienziati, ad abbandonare l’isola per qualche tempo”, spiega Franco Foresta Martin, direttore del Laboratorio Museo di Scienze della Terra Isola di Ustica, un’istituzione che si occupa di attività didattica, divulgazione scientifica e promozione della ricerca in campo geo-vulcanologico. “Auspichiamo ulteriori indagini proprio per documentare una correlazione diretta tra l’azione del mare e dei terremoti e la deformazione costiera, ma anche la necessità di rivalutare il rischio sismico dell’area di Ustica, che è soggetta a frequenti terremoti di intensità medio-bassa”, conclude Foresta Martin.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.