Coldiretti conferma, la polemica continua: svenduto il nostro extravergine d’oliva
C

Olio italico” nel “ grande contratto di filiera” è davvero una fake news?

I più letti

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Roma – Ecco il testo del comunicato stampa firmato Coldiretti pervenuto oggi pomeriggio alle ore 16:09:
Non esiste alcun riferimento al nome Italico nè tantomeno alle miscele di oli extravergine di oliva Made in Italy con quelli importati dall’estero nel più grande contratto di filiera per l’olio Made in Italy di sempre siglato da Coldiretti, Unaprol, Federolio e FAI S.p.A. (Filiera Agricola Italiana), che coinvolge le principali aziende di confezionamento italiane. Lo rendono noto le organizzazioni firmatarie nel precisare che si tratta di una fake news diffusa ad arte per cercare di colpire un accordo storico per l’olio italiano al 100%, da olive coltivate e molite in Italia, che riguarda un quantitativo di 10 milioni di chili per un valore del contratto di filiera di oltre 50 milioni di euro, che taglia intermediazioni, speculazioni e faccendieri.
Si tratta di una notizia falsa cavalcata, piu’ o meno strumentalmente, per interessi che non hanno nulla a che fare con il bene del Made in Italy, dei consumatori e degli imprenditori agricoli che in migliaia si stanno interessando per valutare liberamente le opportunità e le condizioni offerte da un contratto con un prezzo minimo garantito e finalmente la possibilità di una pianificazione produttiva pluriennale.”

Dunque è vero. A base del “grande contratto” c’è la svendita delle riserve di olio extravergine giacente nei depositi del Consorzio Olio olivicoltori. Confermata da Coldiretti ma a basso prezzo, certamente non gradito dagli associati: a quattro-cinque euro.
Domanda: ma allora tutte le dichiarazioni di Confagricoltura, Federolio, Unaprol, CNO, Agrinsieme ecc, ecc, erano tutte notizie false? E polemiche inventate ed apocrife? E per leggerle sulle pagine dei giornali la Coldiretti ha impiegato una settimana? Probabilmente prima il pachiderma dormiva; senza accorgersi delle proteste e della preoccupazione di olivicoltori, frantoiani e consumatori
Resta dunque la verità esposta dal prof. Paolo Marini, presidente della Filierra Olivicola Olearia, Italiana, nel suo appello al nuovo governo: “Mi pongo soltanto una domanda, la nuova classe politica del Mipaaf, leggendo queste notizie, si rende conto che l’estrema frammentazione dell’olio italiano danneggia sia l’immagine del Made in Italy, che l’intero comparto dell’olivicoltura italiana?”. Così ad Agricolae, in merito alla presentazione da parte di Unaprol e Federolio dell’olio “Italico”.
E restano dieci milioni di chili di olio extravergine svenduti per 50 milioni di euro. Stavolta il pachiderma ed i suoi riferimenti mediatici hanno toppato. Davvero.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.