Lupi e orsi, Costa sugli abbattimenti: “Impugnerò la legge di Trento e Bolzano”
L

I più letti

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo...

Roma,m – «Se quanto annunciato dai mezzi di informazione dovesse corrispondere al vero, e cioè che le leggi appena approvate dalle province di Trento e Bolzano prevedono la possibilità di abbattere lupi ed orsi, significa che saremmo dinanzi a una palese violazione del dettato costituzionale e da esponente del Governo sarò costretto a chiederne l’inevitabile impugnativa al Consiglio dei Ministri». E’ quanto dichiarato il ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, generale Sergio Costa a proposito dei disegni di legge recentemente approvati nelle province di Trento e Bolzano.

«Ritengo sia un grave errore, per le Province di Trento e Bolzano, volersi dotare di autonomia sulla gestione della fauna, che è patrimonio indisponibile dello Stato, forzando l’equilibrio tra i poteri dello Stato e quelli delle Province autonome su temi importanti e molto delicati, che devono prevedere soluzioni scientifiche e tecniche realmente valide e molta ragionevolezza», continua il ministro Costa.

«Sono certo che il Piano Lupo, che intendo portare prossimamente in Conferenza Stato Regioni escludendo il passaggio tutt’altro che utile sugli abbattimenti selettivi, contenga le strategie, le misure e le azioni giuste per offrire una risposta concreta anche alle richieste dei territori di governare la coesistenza tra uomo e specie animali, tutelando al tempo stesso le economie e la biodiversità».

«Però: dobbiamo proprio arrivare a questo punto? Ci sono tante soluzioni alternative da poter trovare insieme. Per questo – conclude il ministro – confido ancora nei Presidenti e nei Consigli delle due Province autonome e lancio loro un appello affinché ritirino i provvedimenti approvati e avviino con il Ministero dell’Ambiente e le Regioni il percorso istituzionale che dovrà portare all’approvazione del Piano Lupo, l’unico strumento in grado di gestire con armonia tecnica, scientifica, amministrativa e culturale la tematica per i prossimi anni».

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.