Gru della Manciuria, nasce un piccolo “minacciato” d’estinzione

I più letti

Da Enea l’idea di una filiera circolare e Made in Italy per le mascherine

(Adnkronos) Una nuova filiera circolare, tutta italiana, per le mascherine ad uso civile, dalla produzione al riciclo. La proposta...

Pregliasco: “Rischi effetto spogliatoio in palestre e piscine”

(Adnkronos) "La riapertura di palestre e piscine è uno step ulteriore" della fase 2 dell'emergenza coronavirus in Italia. "Una...

Fase 2, riapertura tra regioni a rischio?

(Adnkronos) Dopo la possibilità di spostarsi liberamente entro la propria regione senza autocertificazione, gli italiani aspettano di potersi muovere...
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Allenarsi ad afferrare col becco insetti e invertebrati acquatici non è cosa facile quando si hanno solo due settimane di vita, ma il piccolo di gru della Manciuria venuto al mondo al Parco Natura Viva di Bussolengo ha due “maestri” eccezionali. Mamma e papà gru stanno accudendo il loro primo figlio come se avessero alle spalle una lunga esperienza di cure parentali e questo – per una specie “minacciata” di estinzione secondo IUCN – è senz’altro un buon segno di speranza. Il loro è l’unico uovo ad essersi schiuso in Italia e del piccolo non si conoscerà il sesso fin quando non si potrà procedere al sessaggio tramite analisi del DNA.

“Mamma e papà gru non lo perdono mai di vista e nonostante lui si muova spesso tra il laghetto e l’erba, è sempre tra le loro zampe”, spiega Camillo Sandri, curatore zoologico del Parco Natura Viva. “Con un insetto assicurato all’estremità del lungo becco, a turno gli porgono il pasto. Ma non è raro osservare che comincino a mostrargli anche dove beccare, per procacciarsi da solo un lombrico o un grillo che passava di là. Il fatto che entrambi gli adulti siano stati essi stessi allevati dai propri genitori senza intervento dell’uomo, sta garantendo al piccolino insegnamenti meticolosi e tipici della specie”. D’ora in poi il nuovo nato crescerà anche di due centimetri al giorno, per arrivare ai 3 mesi di vita a raggiungere il metro e mezzo degli adulti. Poi, intorno all’anno di vita, abbandonerà le piume rossicce per essere trasferito, formare una nuova famiglia e offrire una nuova vitalità alla propria specie in pericolo di estinzione.
In Russia meridionale, Cina e Giappone, questa specie migratrice – la seconda gru più rara al mondo dopo la gru americana – trascorre primavera ed estate nelle zone umide, mentre d’inverno approda in paludi salate e d’acqua dolce. “E’ proprio la scomparsa degli ambienti palustri ai quali sono legati cibo e nidificazione che sta condannando questa specie alla scomparsa”, conclude Sandri. “La conversione dei suoli in terreni agricoli e industriali così come gli incendi primaverili in Russia e Cina, distruggono i siti di nidificazione migliori, mentre la proliferazione delle dighe li elimina del tutto riducendo il livello dell’acqua e facilitando l’accesso dei predatori ai nidi”. Intanto, questa famiglia godrà della tranquillità di poter crescere senza pericoli il proprio piccolo.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Fondamentali per l’ecosistema, alleati degli agricoltori: “Non c’è da aver paura dei serpenti, non uccideteli”

Il Signore Dio disse alla donna:«Che hai fatto?».Rispose la donna:«Il serpente mi ha ingannata e io ho...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state denunciate dai Carabinieri poiché sorprese...

Il bonus vacanze non basta: “Ha già rinunciato alle vacanze il 48% degli italiani”

Il commento dell'Unione Nazionale Consumatori sui dati Censis/Confcommercio "Dati allarmanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto Confcommercio - Censis. "Il fatto che...

Catturato accidentalmente uno squalo in Sicilia: “La pesca eccessiva minaccia la metà delle specie in Mediterraneo”

L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro...

La Sicilia sblocca le nomine, quattro parchi naturali hanno di nuovo i propri presidenti

Nominati i presidenti dei parchi Etna, Nebrodi, Madonie e Alcantara La giunta regionale della Sicilia ha sbloccato le...

Elba, Giglio e Giannutri: raggiunte 5mila firme per l’istituzione dell’area marina protetta dell’Arcipelago Toscano, ora si raddoppia

Un’Area Marina Protetta non è solo tanta bellezza ma anche ripresa economica: raggiunte le 5.000 firme per la petizione, si punta a...

Etichetta volontaria per le carni, presentata proposta di legge Muroni

Un sistema volontario di etichettatura in zootecnia per i prodotti di origine animale attraverso "una chiara tabella" che segue il metodo...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.