Barche all’assalto di Giannutri: “Campi boe a numero chiuso come a Capraia”
B

I più letti

Covid, l’emergenza costa alle stalle italiane 1,7 miliardi: Coldiretti scrive a Conte

L’emergenza Covid è costata sino ad oggi alle stalle italiane 1,7 miliardi di euro tra il blocco delle vendite,...

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Incendi Australia, la tecnologia scende in campo per rigenerare la natura perduta

Dalle ceneri dei devastanti incendi che la scorsa estate hanno colpito l’Australia, il WWF ha costruito una visione audace...

Con l’arrivo della bella stagione riparte l’assalto a Giannutri da parte delle imbarcazioni provenienti dai porti della terraferma. “Domenica 8 luglio l’intero Golfo dello Spalmatoio – così come anche a Cala Maestra – si erano riempiti di centinaia di barche di tutte le stazze che hanno senza problemi buttato le loro ancore sulle praterie di Posidonia oceanica e sulle Pinna nobilis – i più grandi bivalvi del Mediterraneoche nei fondali dell’Isola formano dei veri e propri “giardini”, racconta Emanuele Zendri di Legambiente Arcipelago Toscano. “Purtroppo dopo 22 anni di Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, a 36 anni dalla prima legge sulla protezione del mare che la prevedeva e a 27 anni dalla legge quadro sulle Aree protette che ne ribadisce l’istituzione, ancora non è stata realizzata l’Area Marina protetta così come era stato previsto per legge. E queste due zone non ricadono nel regime di protezione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, di cui Giannutri invece fa parte. Ma anche senza il lungo processo di istituzione – racconta Zendri a Italiaambiente – questi due specchi di mare potrebbero essere tutelati istituendo dei campi boe a numero chiuso, come già è stato fatto a Capraia. Questo intanto consentirebbe di regolamentare l’accesso e non gettare l’ancora sul fondale direttamente nelle prateria di Posidonia oceanica e Pinna nobilis, ma di ormeggiare legandosi a un gavitello, fissato con una cima a una base posta sul fondale”.

E i danni prodotti dalle ancore in anni di ancoraggio selvaggio sono ben evidenti sulle praterie di posidonia, una volta molto più abbondanti. Molte barche poi, si ancorano a pochi metri dagli scogli determinando ancora di più un danno ai fondali di questa splendida Isola.
“Vorremmo sapere allora – incalza Zendri – quando finalmente Giannutri diventerà Area marina protetta e quando si comincerà sul serio a salvaguardare la sua notevole biodiversità marina. Chiediamo quindi, al Ministero dell’Ambiente, al Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, alla Regione Toscana e al Comune dell’Isola del Giglio di lavorare insieme affinché Giannutri venga una volta per tutte tutelata. Ci piacerebbe assistere sempre più spesso a incontri sorprendenti come quello avvenuto a Cala Spalmatoio domenica mattina quando la Cala è stata visitata da uno splendido pesce spada, e vedere sempre meno barche che assaltano l’Isola”.

Le ultime

Misurare la CO2 in classe per prevenire il contagio: al via in 12 scuole pugliesi il progetto pilota di SIMA

Parte dalla Regione Puglia il progetto pilota “Misuriamo la CO2 a scuola” della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA)....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.