Anice verde, la speranza di un territorio in un seme
A

I più letti

Recovery Fund, Lipu: “Fondi alla biodiversità annunciati ma inesistenti”

La nota della Lipu: “Nonostante l’obbligo sancito dal regolamento europeo sul Recovery and Resilience Fund, la bozza di piano...

Disastro ambientale nel veronese: un agricoltore sparge mais avvelenato e fa strage di fauna

Disastro ambientale nelle campagne del veronese. Centinaia di animali sono morti in un terreno di circa tre ettari a...

Ricerca UniPg: dalla carne di coniglio una soluzione innovativa per i sistemi agroalimentari del Mediterraneo

Si chiama Omega Rabbit, è basato sulla carne di coniglio, e potrebbe diventare un alimento capace di rappresentare una soluzione...

Grazie alla collaborazione con Slow Food e la Fondazione Slow Food per la biodiversità, oggi l’Anice Verde di Castignano è un Presìdio Slow Food. Un’eccellenza territoriale che rischiava di scomparire e che oggi grazie all’impegno della comunità locale è diventata una spezia conosciuta in tutto il mondo. Nella Regione più colpita dal sisma del 2018, questa notizia si prefigura come la prima di una lunga serie che si spera ridarà vita e speranza a un territorio a oggi molto in difficoltà.
L’ANICE VERDE: UN’ECCELLENZA CHE RISCHIA L’ESTINZIONE – Definito in passato l’ “oro verde di Castignano” perché era centrale nell’economia di questo territorio, oggi rischia l’estinzione. Una pianta con eccezionali proprietà, che però era sopravvissuta solo nel campo di 250 mq del signor Luigi e della signora Luigia. La comunità locale ha deciso di tutelare questo seme, prima inserendolo nella Banca del Germoplasma e in un secondo momento con la coltivazione con metodi tradizionali da parte di alcuni “Agricoltori custodi” locali. Oggi è il primo Presìdio Slow Food della zona del Centro Italia colpita dal sisma del 2016: un successo che ridona speranza a chi in questa zona ha visto cadere in frantumi i sacrifici di una vita.
L’ANICE VERDE PROPRIETA’ – Uno studio dell’Università di Camerino, dimostra come l’olio essenziale di questo prodotto ha caratteristiche gastroprotettive, digestive e rigeneranti. Già in passato era molto utilizzato per le sue proprietà digestive ed energizzati, tanto che sembra sia stato l’energizzante dei gladiatori. Un prodotto che ancora oggi i coltivatori della zona producono con i metodi tradizionali, dalla coltivazione biologica alla raccolta e la l’essiccazione manuale.
IL PRIMO PASSO PER RIDARE SPERANZA A UN TERRITORIO – “Dobbiamo gettare le fondamenta per lo sviluppo del nostro territorio per dare speranza ai nostri giovani, che oggi si trovano costretti ad abbandonare questo territorio per costruirsi il loro futuro” ha dichiarato Fabio Polini, Sindaco del Comune di Castignano. Lo studio portato avanti in collaborazione con l’Università di Camerino sulle proprietà di questa cultura è solo il primo di un lungo percorso progettato insieme. “Grazie al Piano di Sviluppo Rurale e alla collaborazione con tanti giovani del territorio stiamo portando avanti un progetto di una microfiliera di erbe officinali. Un progetto in collaborazione con l’Università di Camerino che mira ad individuare una linea di spezie che fanno bene alla salute. Tutte spezie che verranno coltivate in un territorio particolarmente vocato alla coltivazione di queste piante e che ridaranno un futuro a una comunità profondamente ferita” ha dichiarato Sergio Corradetti, Presidente Associazione Anice Verde di Castignano.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.