Coltivazione di piante officinali, al via il tavolo tecnico. Sarà rivoluzione di settore?
C

I più letti

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Il nuovo strumento strategico per la biodiversità. Cancellata la legge del 1931.

Roma – Per venerdì prossimo, 27 luglio, è convocato al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali il Tavolo Tecnico delle Piante Officinali. Un folto gruppo di esperti che avrà il compito di recepire i dettami del decreto legislativo n. 75 del 21 maggio 2018, e quindi predisporre i decreti attuativi del nuovo dispositivo di legge. Si tratta di un testo unico che regolerà la coltivazione, la raccolta e prima trasformazione delle piante officinali; entrerà in funzione a fine anno. Con l’obbligo di adeguare la disciplina vigente ed abrogare del tutto la vecchia legge n.99 del 1931.
Verrà dato un nuovo assetto a tutto il settore delle piante officinali, per favorire la crescita e lo sviluppo della produzione nazionale. In particolare, con l’istituzione dei registri varietali delle specie, il nuovo dispositivo fornisce anche una definizione di piante officinali.
Inoltre la loro coltivazione, la raccolta e la prima trasformazione sono riconosciute come attività agricole a tutti gli effetti. E ne viene regolamentata la certificazione e la commercializzazione delle sementi. In pratica si realizza il Piano di settore della “filiera delle piante officinali”. Cioè lo strumento programmatico e strategico del settore destinato a fornire alle Regioni un indirizzo sulle misure da inserire nei singoli Piani di Sviluppo Rurale.

Alberto Manzo, funzionario del Mipaaf e coordinatore del Tavolo delle Piante Officinali ha definito il provvedimento: “un testo breve, chiaro, essenziale in grado di agire da volano per il settore delle piante officinali favorendo il suo sviluppo da “settore di nicchia” a filiera consolidata multifunzionale, che favorisce la biodiversità e l’origine naturale dei prodotti di queste piante con un concreto sviluppo verso nuovi campi di applicazione ed attività ad esso connesse”.
Il testo della legge precisa che “il Tavolo Tecnico del settore delle piante officinali è composto dai rappresentanti del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, del Ministero della Salute, del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, delle Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano, delle organizzazioni professionali agricole” e giù una sfilata di circa una decina di sigle che vanno dall’Agea al Crea, al Cnr all’Aifa, all’Unimont, l’Università della Montagna che invierà la professoressa Anna Giorgi,

Allora la domanda pertinente, spontanea e del tutto lecita è: riuscirà il pur competente e solerte dottor Alberto Manzo a districarsi fra tante esperienze, opinioni ed eccezioni di personaggi importanti ed investiti, fra l’altro, di difendere anche interessi di casta, di procedere in maniera spedita? Glielo auguriamo per il bene della filiera delle Piante Officinali ma, soprattutto, per la biodiversità del territori.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.