Spreco alimentare: 3 kg di cibo al mese vanno in spazzatura, valgono 8,5 mld
S

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Spreco alimentare, l’inversione di tendenza sembra confermata: sei italiani su 10 dichiarano di gettare il cibo ancora commestibile solo una volta al mese, o addirittura più raramente. Il 16% butta alimenti buoni una volta alla settimana e il 15% ogni due settimane. Ma quasi tutti – il 92% – si sentono tristi e in colpa quando si ritrovano a gettare cibo.

Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto 2018 dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market, monitorati per la 9° edizione della Campagna Spreco Zero presentata stamane a Roma all’Anci dall’ideatore Andrea Segrè. Insieme a lui, il presidente dell’Anci Antonio Decaro – presidente Anci -, Luca Falasconi, coordinatore del progetto 60 sei zero e Giobbe Covatta, vincitore nel Premio Vivere a Spreco Zero 2018.
“Ma i dati reali sullo spreco – spiega il docente ed economista Andrea Segrè, fondatore della campagna – parlano ancora di 3 kg di cibo pro capite ogni mese gettato nella spazzatura. In termini di costi, questo si traduce in 8,5 miliardi di euro gettati ogni anno, ovvero lo 0,6% del Pil. Lo spreco si batte prevenendolo e solo una capillare campagna di educazione alimentare può favorire la svolta”, conclude Segrè.

La Campagna Spreco Zero si concluderà il 5 febbraio 2019 in occasione della 6° Giornata Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare e quest’anno riparte anche il Premio Vivere a Spreco Zero, promosso insieme al Ministero dell’Ambiente attraverso il progetto 60 sei zero e in collaborazione con l’Anci. “Anche quest’anno – spiega Luca Falasconi – i nostri interlocutori saranno i 7982 comuni e le 20 regioni italiane , che invitiamo a volersi candidare segnalando le buone pratiche in termini di prevenzione e recupero degli sprechi alimentari. Ma come sempre ci rivolgiamo anche alle aziende, ai cittadini e alle scuole, per sensibilizzare su un tema chiave del futuro”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.