Firmato il “Decreto Trasparenza”, Costa: “La casa dell’ambiente diventerà di vetro”

I più letti

Unione africana, oggi il 57esimo anniversario: “Italia in prima linea contro la desertificazione”

Roma - «Il primo incontro istituzionale che volli al Ministero, appena insediato, fu con Ibrahim Thiaw, il segretario esecutivo...

“Non sommergere il Pianeta di nuovi rifiuti”: l’appello di fondazione Univerde

“Non sommergere il Pianeta di nuovi rifiuti”: l'appello di Pecoraro Scanio al convegno in streaming su “Sicurezza...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state...

Roma – Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha firmato il “Decreto Trasparenza” con cui si istituisce l’Agenda pubblica degli incontri con i portatori di interesse.
Dal 1° settembre tutti gli incontri che il Ministro, i suoi collaboratori, i Sottosegretari, i Direttori generali avranno con i rappresentanti di soggetti giuridici, pubblici o privati, anche partecipati dallo Stato, di consorzi, di associazioni di categoria, di associazioni di protezione ambientale, di associazioni anche non riconosciute, di comitati di cittadini, di fondazioni, nonché coloro che professionalmente li rappresentano o svolgono nell’interesse di questi funzioni di consulenza, saranno registrati e resi pubblici sul sito internet del Ministero.
“La casa dell’Ambiente – ha dichiarato il Ministro Costa – diventa così per davvero una casa di vetro. Il Ministero deve essere un luogo aperto a tutti. Non solo alle imprese ma anche e soprattutto alle associazioni civiche, ai movimenti, a tutti i volontari che rappresentano le istanze dei territori e che reclamano attenzione sulle tematiche ambientali. La trasparenza può essere l’elemento che rende pari il confronto tra interessi diversi e che rende possibile al decisore pubblico una giusta valutazione di tutte le istanze nel momento in cui si deve assumere la responsabilità di decidere, in un verso o nell’altro. In questo modo tutti i cittadini, con un click, sapranno chi è entrato al Ministero, chi ha incontrato chi, perché, per chiedere cosa e quale documento, quale proposta ha consegnato”.
Presso le istituzioni dell’Unione europea, dove i lobbisti sono pubblicamente noti attraverso il Registro per la Trasparenza, il 52% afferma di avere interessi diretti in campo ambientale; a livello Ue, secondo i dati del Registro per la Trasparenza, l’ambiente risulta essere il primo tema su cui si concentrano le pressioni dei gruppi di interesse, piccoli e grandi, civici e industriali, che, lecitamente, rappresentano il loro punto di vista presso il decisore pubblico.
In Italia alcuni Ministeri negli ultimi anni si sono dotati, attraverso specifici atti interni, di strumenti per rendere trasparente l’azione delle lobby, limitandosi a registrare i lobbisti con i quali interloquivano: il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, dal 2011, il Ministero dello Sviluppo economico, dal 2016, e il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, dal 2017.

Anche la Camera dei deputati dal 2016 ha disciplinato con proprio provvedimento l’attività di rappresentanza di interessi, istituendo un apposito registro dei lobbisti.
Il Ministero dell’Ambiente, rispetto a queste esperienze positive, fa un passo avanti e introduce una novità in questo quadro: piuttosto che prevedere un altro “albo” dei lobbisti, impone obblighi di trasparenza al proprio interno, rendendo necessario per chiunque assuma una decisione, dal vertice politico al direttore generale ai loro staff, dichiarare pubblicamente chi ha incontrato e per quale fine.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Ministero dell’Ambiente, arriva la flotta antinquinamento da idrocarburi e plastica galleggiante

Pubblicato il bando sulla Gazzetta europea. Costa: “Ulteriore passo nella battaglia globale” E’ stato pubblicato in Gazzetta europea...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.