La gag degli italiani alle prese con la plastica monouso: Casa Surace non delude
L

La striscia

Elena Livia Pennacchioni
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

L’ironia sul nostro “modo d’inquinare quotidiano” – il mare in particolare – sbarca sul canale youtube di Casa Surace che, in collaborazione con Greenpeace Italia, dà vita ad una gag tutta da ridere. Intento azzeccato: tutto filtrato con gli occhi della tradizione meridionale, i personaggi si alternano e “consigliano” 17 buone pratiche per abbandonare la plastica monouso, corrispondenti ognuna a 17 cattive abitudini ormai entrate nel pittoresco modus vivendi degli italiani.

“Pochi minuti per spiegare in modo originale come si possa fare a meno di oggetti in plastica – bicchieri, piatti, posate, cannucce – che vengono utilizzati per pochissimo tempo ma che in realtà hanno un impatto devastante e duraturo sull’ambiente”, dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia. “Siamo molto contenti della collaborazione con Casa Surace, il loro video risponde con semplicità e intelligenza ai dubbi più comuni sulla plastica monouso, e dimostra come sia possibile sostituirla nella nostra vita quotidiana. Nonostante infatti si parli sempre più spesso dell’inquinamento da plastica usa e getta, c’è bisogno di soluzioni, anche semplici, che evitino un peggioramento del fenomeno», conclude.

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.