Dolomiti di Brenta, nuovo progetto scientifico per studiare gli impatti dei cambiamenti climatici

I più letti

Elba, Giglio e Giannutri: raggiunte 5mila firme per l’istituzione dell’area marina protetta dell’Arcipelago Toscano, ora si raddoppia

Un’Area Marina Protetta non è solo tanta bellezza ma anche ripresa economica: raggiunte le 5.000 firme per...

Fase 2, spiagge riaperte ma la capienza sarà a metà

(Adnkronos) Al mare senza mascherine e in massima sicurezza e già si respira aria di vacanze in molte località...

Fase 2, Arcuri: “Partita non è vinta, rispettare le misure”

(Adnkronos) La partita delle mascherine è definitivamente risolta. Anche nelle farmacie le mascherine a 50 centesimi ora si trovano...

Da poche settimane ha preso il via un nuovo progetto di ricerca con cui il Parco Adamello Brenta si propone nei prossimi anni di ottenere dati utili per conoscere e salvaguardare gli ambienti naturali delle Dolomiti di Brenta. “Gli ambienti montuosi sono particolarmente vulnerabili al rapido riscaldamento globale e ci si aspetta che nei prossimi decenni sull’Arco Alpino gli impatti sugli ecosistemi saranno ancor più drammatici”, commenta Andrea Mustoni, responsabile del Settore Ricerca Scientifica ed Educazione Ambientale del Parco.
Attraverso studi, monitoraggi di campo e analisi in laboratorio dunque, la ricerca prende in esame i rapporti ecosistemici tra animali, vegetali e le caratteristiche del substrato roccioso sul quale vivono, con l’obiettivo di indagare proprio il delicato tema dei cambiamenti climatici e dei loro effetti sulla biodiversità.
Il progetto prende il nome di “BioMiti”, dall’unione del suffissio “bio-“ (“che vive”) con la parola “Dolomiti” ed è “pluriennale – prosegue Mustoni – si svolgerà sulla base di rilevamenti faunistici, floristici, climatici e geologici eseguiti dal gruppo di ricerca scientifica ed educazione ambientale del Parco con l’aiuto di alcuni tesisti. Il progetto si sviluppa anche grazie alla fondamentale collaborazione con i ricercatori dell’Università di Sassari, particolarmente esperti nello studio degli ecosistemi alpini e la sezione di zoologia degli invertebrati e idrobiologia del MUSE, punto di riferimento trentino in tema di ricerca scientifica”.

In questa prima fase sperimentale, la ricerca prevede che vengano effettuati diversi tipi di monitoraggio ad altitudini diverse, dai radi lariceti dell’alta Vallesinella a 1.900 m s.l.m. fino alla nuda roccia di Cima Grostè a 2.900 m s.l.m.
In questa zona, da fine maggio fino alla scorsa settimana, sono state allestite sei “stazioni di campionamento”, una ogni 200 m di dislivello, dove, con metodologie scientifiche consolidate, si stanno ora raccogliendo dati sulla fauna e sulla flora, nel tentativo di avere una rappresentazione completa delle forme di vita presenti che permetta di studiarne le interazioni.
L’assetto geologico delle Dolomiti di Brenta potrà, inoltre, essere un’importante chiave di lettura dei dati rilevati considerando che sia gli animali sia i vegetali presenti hanno delle imprescindibili relazioni con il terreno su cui vivono. Per favorire un approccio di tipo climatologico, il quadro sarà completato dal rilevamento in loco di dati quali la temperatura e l’umidità, grazie all’utilizzo di sensori remoti.
“Per le caratteristiche intrinseche della ricerca – conclude Mustoni – e i fini che ci proponiamo con i nostri partner, BioMiti dovrà restare un cantiere aperto per anni. Una sorta di monitoraggio permanente, capace di fornire dati per conservare l’ambiente e gestirlo nel miglior modo possibile. Una responsabilità da Parco!”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

Sott’acqua al tempo del Coronavirus: idrofoni in 30 siti per ascoltare il mare

Dopo 100 ore di immersioni e oltre 300 di registrazioni sonore per documentare lo stato dei mari durante il lockdown si tirano le somme...

San Vito Lo Capo, portata in superficie ancora ellenistico-romana con rilievo di delfino

L'operazione è stata svolta dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Guardia di Finanza e BCsicilia a 20 metri di profonditàTrapani - Nei...

Lago di Garda, uova di cigno distrutte a sassate: “Visionare le telecamere di zona”

Enpa denuncia, chiede che vengano visionate le telecamere e scrive al SindacoRoma – Ha distrutto a sassate le uova di cigno deposte sulla riva...

Squalo Mako ucciso nel Golfo di Catania, Oipa valuta di procedere in sede giudiziaria

Il presidente dell’Oipa Comparotto: «Urgente ripensare le politiche della pesca» L’Oipa Italia sta valutando di procedere in sede...

Riapertura tra Regioni, sui Sibillini pronti i nuovi rifugi escursionistici provvisori

Gli interventi di ripristino dei rifugi escursionistici provvisori del Grande Anello assumono una rilevanza fondamentale per il rilancio del territorio dei Sibillini

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.