Arriva “Micro”: l’incredibile video-viaggio di tre rifiuti
A

I più letti

Bioplastiche, l’anno della pandemia batte il record: +9,4 sul 2019

La crisi economica per il Covid-19 non ha fermato la crescita del settore delle bioplastiche in Italia. Nel 2020...

Un cotton-fioc, un mozzicone di sigaretta e la carta di uno snack: sono i 3 protagonisti del nuovo video “Micro, l’incredibile viaggio di 3 rifiuti”, realizzato dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente del Friuli Venezia Giulia con lo scopo di sensibilizzare la popolazione, ma soprattutto i giovani, sull’importante tema sull’accumulo di plastiche e rifiuti di ogni genere nei nostri mari.
In poco più di sei minuti, Micro racconta con leggerezza e un tocco di comicità l’incredibile viaggio che compiono i tre rifiut dal punto in cui vengono abbandonati o rilasciati fino ad arrivare al mare.
Il video si chiude con una amara constatazione: “ogni minuto finisce in mare un camion di spazzatura”. Un dato allarmante causato sicuramente dalle attività portuali e di navigazione, dalla pesca e dal turismo, ma anche dai piccoli rifiuti che partendo da molto lontano, da casa nostra o dal centro città, dopo un lungo percorso raggiungono il mare e le nostre spiagge. Dunque, se vogliamo un mare e una spiaggia pulita dobbiamo sapere che “ogni rifiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza” e deve essere nostra cura smaltirlo nel modo corretto.

Il video è stato realizzato dall’Osservatorio regionale rifiuti e dal Laboratorio regionale di educazione ambientale di Arpa, per la regia di Diego Cenetiempo della mediateca La Cappella Underground di Trieste.

 

Le ultime

Bioplastiche, l’anno della pandemia batte il record: +9,4 sul 2019

La crisi economica per il Covid-19 non ha fermato la crescita del settore delle bioplastiche in Italia. Nel 2020...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.