Collisione tra navi nel santuario dei Cetacei, 25 chilometri di combustibile in mare

I più letti

Riapertura tra le Regioni il 3 giugno, cosa pensano i governatori

(Adnkronos) Si susseguono le posizioni dei governatori sull'intenzione del governo di riaprire gli spostamenti tra Regioni dal 3 giugno....

Ecosisma bonus e geotermia nel Decreto Rilancio, geologi soddisfatti: “Ora necessaria normativa nazionale”

“Esprimiamo soddisfazione per le previsioni nel Decreto Rilancio delle nuove misure per l'EcoSismaBonus e, in particolare,...

Il bonus vacanze non basta: “Ha già rinunciato alle vacanze il 48% degli italiani”

Il commento dell'Unione Nazionale Consumatori sui dati Censis/Confcommercio "Dati allarmanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto...

Nuovo aggiornamento del Ministero dell’Ambiente sullo svolgimento delle attività di contenimento e bonifica che stanno avvenendo al Largo della Corsica, nel bel mezzo della più grande area marina protetta del Mediterraneo meglio conosciuta come Santuario dei Cetacei. Qui, all’alba del 7 ottobre, è avvenuta la collisione tra una nave battente bandiera tunisina ed una portacontainer di bandiera cipriota che ha provocato una fuoriuscita di combustibile in mare per una stima di 600 metri cubi. “La Guardia Costiera francese – fa sapere il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa – ha stimato la quantità di prodotto sversato in mare tra 100 e 300 metri cubi che si è frammentato in cinque macchie che vanno alla deriva al largo della Corsica, per una lunghezza 25 chilometri. I nostri mezzi antinquinamento, sotto il coordinamento della Francia, hanno già recuperato parte del combustibile fuoriuscito, pari a circa 150 metri cubi di prodotto oleoso misto ad acqua”.

Ma come spesso accade, il fatto di cronaca riporta l’attenzione su un problema più vasto, che in questo caso riguarda il mantenimento dell’ecosistema e della fauna che lo abita. Marevivo parla della gestione del Santuario come quella di “una dichiarazione platonica, perché – commenta Antonio Fulvi, delegato a Livorno – si tratta di un’area protetta in cui non solo non ci sono divieti di pesca ma non ci sono “corridoi” della navigazione dei mercantili e dei traghetti, che incrociano a tutta velocità verso Sardegna e Corsica. Secondo i dati ufficiali, ogni anno 40 balene o balenottere sono speronate e uccise dalle navi”. Rincara la dose Raffaella Giugni, responsabile delle relazioni istituzionali di Marevivo: “Questo incidente è un’ennesima minaccia la prezioso Santuario dei Cetacei, l’intenso traffico marittimo mette a rischio quotidianamente l’area protetta e la vita di questo fragile ecosistema. E’ necessario che le navi si dotino di strumenti più innovativi per evitare questi incidenti. E’ inaccettabile che in un Santuario non ci sia un limite al transito navale che per gli animali marini rappresenta una fonte di stress. Bisogna impegnarsi maggiormente per rendere le attività economiche dell’uomo sostenibili con la salvaguardia del capitale naturale”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Ministero dell’Ambiente, arriva la flotta antinquinamento da idrocarburi e plastica galleggiante

Pubblicato il bando sulla Gazzetta europea. Costa: “Ulteriore passo nella battaglia globale” E’ stato pubblicato in Gazzetta europea...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.