Ecosistema Urbano, Mantova la migliore seguita da Parma e Bolzano
E

I più letti

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

L’annuale rapporto di Legambiente individua le migliori pratiche dei capoluoghi di provincia italiani. Novità dell’edizione 2018 la collaborazione di Ispra, Ambiente Italia e Il Sole 24 ore.
Il rapporto 2018 di Legambiente, giunto alla sua venticinquesima edizione e presentato alla Triennale di Milano quest’oggi, offre un quadro nazionale delle performance ambientali delle città italiane.
Una serie di conferme e alcune new entry nella presentazione del rapporto. Mantova si conferma la città italiana con il miglior ambiente urbano, seguita da Parma, Bolzano, Trento e Cosenza. I cinque capoluoghi di provincia guidano la classifica dei centri dove è stato raggiunto un buon livello di ecosistema urbano; in altri termini, si è lavorato bene, le risorse sono state spese in modo adeguato, la città si è evoluta pianificando trasformazioni future. La classifica stilata da Legambiente premia i centri che hanno raggiunto i migliori punteggi rispetto ai 17 parametri considerati dal rapporto, dall’aria alle acque, dai rifiuti ai trasporti.
Passando in rassegna le diverse sfide ambientali delle città italiane, il Rapporto di Legambiente mete in evidenza le migliori iniziative adottate dai diversi centri urbani: l’Area C e la mobilità condivisa di Milano; la gestione dei rifiuti di Oristano, Parma, Trento, Mantova, Treviso e Pordenone; la tramvia di Firenze; la riduzione degli sprechi d’acqua di Macerata e Monza; l’investimento sul solare di Padova.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.